Aborto spontaneo e gravidanza: sintomi e cause

Aborto spontaneo

Molte coppie nella dolce attesa affrontano la dura realtà di un aborto spontaneo. Se hai perso il tuo bambino, sai quanto può essere devastante e doloroso. Forse ti chiedi se avrai mai un bambino tra le tue braccia che è tuo. Ma l’impatto emotivo dell‘aborto spontaneo può essere superato. E molte donne vanno avanti e finalmente ottengono gravidanze di successo.

Perché si verificano aborti spontanei

Tra il 10 e il 15 per cento delle gravidanze confermate sono persi. La percentuale effettiva di perdite in gravidanza può essere persino più elevata poiché molti si verificano prima che la donna sappia addirittura di essere incinta. La maggior parte delle perdite si verificano molto presto, prima di otto settimane. La gravidanza che termina prima delle 20 settimane viene chiamata aborto spontaneo. L’aborto avviene di solito a causa di problemi genetici nel feto. A volte, ci possono essere problemi nell’utero o nella cervice che causano un aborto spontaneo. Un altro fattore può essere alcuni problemi di salute come la sindrome dell’ovaio policistico .

Quando la gravidanza è persa dopo 20 settimane si chiama morte fetale. La morte fetale è molto meno comune. Alcune delle cause della morte fetale possono essere problemi con la placenta , problemi genetici nel feto, scarsa crescita fetale e infezioni. In quasi la metà dei casi non è noto quale sia la causa della morte fetale.

Gestire una perdita

Dopo la perdita potresti sentirti scioccato o stordito. Potresti chiederti “Perché io?” Potresti sentirti in colpa per aver o meno qualcosa che ha causato la perdita della gravidanza. Forse ti senti tradito e arrabbiato. Oppure potresti sentirti molto triste mentre accetti che il bambino non esisterà mai. Queste emozioni sono tutte reazioni normali a una perdita. Con il tempo puoi accettare la perdita e andare avanti. Non dimenticherai mai il tuo bambino. Ma puoi lasciare questo capitolo e guardare al futuro. Alcune di queste idee possono aiutarti durante questo periodo difficile:

  • Usa i tuoi cari e amici per sostenerti. Condividi ciò che senti e chiedi aiuto quando ne hai bisogno.
  • Parla con il tuo partner della tua perdita. Tieni presente che uomini e donne gestiscono la perdita in modi diversi.
  • Abbi cura di te Mangiare cibo sano, restare attivi e dormire bene ti aiuterà a recuperare energia e benessere.
  • Partecipare a un gruppo di supporto. Un gruppo di supporto può aiutarti a sentirti meno solo.
  • Fai qualcosa per commemorare il tuo bambino.
  • Chiedi aiuto a uno specialista del dolore, specialmente se il dolore non si attenua nel tempo.

Prova di nuovo

Datti abbastanza tempo per guarire emotivamente. Potrebbero volerci alcuni mesi o fino a un anno. Quando tu e il tuo partner siete emotivamente pronti a riprovare, confermate con il vostro medico che siete in buona salute fisica e che il vostro corpo è pronto per una gravidanza . Dopo un aborto , le donne più sane non hanno bisogno di aspettare prima di provare a concepire di nuovo. Forse ti preoccupi di perdere un’altra gravidanza. Ma sii fiducioso, la maggior parte delle donne che hanno perso una gravidanza in seguito hanno figli sani.

ATTENZIONE: Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. 
Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata. Se si hanno dubbi o quesiti sull'uso di un farmaco è necessario contattare il proprio medico.   riferimenti : niddk.nih.gov

Leggi il Disclaimer .
Tratto da    http://www.corpo-e-mente.com