Depressione-regole per combatterla | corpo e mente

Depressione

Il Disturbo depressivo colpisce sia uomini che donne , ma ogni anno il numero di donne diagnosticate con depressione è più alto di quello degli uomini. Detto questo, la depressione non è una “parte normale dell’essere donna” né è una “debolezza femminile”. Molte donne con la depressione non cercano mai un trattamento. Tuttavia, la maggior parte delle donne, anche quelle con il tipo più grave di depressione, può migliorare con il trattamento.

Cos’è la depressione?

La vita è piena di alti e bassi. Ma quando i brutti momenti durano settimane o mesi alla volta o ti impediscono di svolgere le tue attività quotidiane, potresti avere depressione. La depressione è una malattia medica che coinvolge il corpo, l’umore e i pensieri. Influisce sul modo in cui mangi e dormi, sul modo in cui ti senti e sul modo in cui pensi alle cose.

È diverso dal sentirsi malinconici o tristi per alcune ore o un paio di giorni. Non è una condizione che semplicemente finisce o scompare.

Quali sono i diversi tipi di depressione?

Alcuni tipi di depressione sono:

  • Disturbo depressivo grave  Conosciuto anche come grave depressione, è una combinazione di sintomi che influenzano la capacità di una persona di lavorare, dormire, studiare, mangiare e divertirsi.
  • Disturbo distimico  Conosciuto anche come distimia, questo tipo di depressione dura a lungo (due anni o più). I sintomi sono meno gravi di quelli della depressione grave, ma possono impedirti di vivere una vita normale o sentirti bene.

Alcuni tipi di depressione hanno sintomi leggermente diversi da quelli descritti sopra. Alcuni possono iniziare dopo una situazione specifica. Tuttavia, non tutti gli scienziati concordano su come etichettare e definire questi tipi di depressione, che includono:

  • Depressione postpartum , che viene diagnosticata quando una madre che ha appena partorito sperimenta un episodio depressivo maggiore durante il mese dopo il parto.
  • Disturbo affettivo stagionale , che è una depressione che appare nei mesi invernali, quando c’è meno luce naturale.

Quali sono le cause della depressione?

Non c’è una sola causa di depressione.  Gli esperti raccomandano lo screening della depressione per tutti, indipendentemente dai fattori di rischio. Tuttavia, alcune cose possono aumentare il rischio di depressione di una donna:

  • Genetica (storia familiare) : se una donna ha una storia familiare di depressione, potrebbe essere a più alto rischio di soffrire. Tuttavia, la depressione può verificarsi anche nelle donne senza storia familiare.
  • Squilibrio chimico : il cervello delle persone depresse ha un aspetto diverso rispetto alle persone senza depressione. Inoltre, le parti del cervello che controllano l’umore, i pensieri, il sonno, l’appetito e il comportamento non hanno il giusto equilibrio chimico.
  • Fattori ormonali : cambiamenti nel ciclo mestruale, gravidanza, aborto, periodo post parto, perimenopausa e menopausa possono causare depressione nelle donne.
  • Stress : eventi di vita stressanti, come traumi, la perdita di una persona cara, un cattivo rapporto, responsabilità lavorative, assistenza a bambini e genitori anziani, abuso e povertà possono causare depressione in alcune persone.
  • Malattie mediche : trattare con gravi condizioni mediche come ictus, infarto o cancro può causare depressione.

Quali sono i segni della depressione?

Non tutte le persone con depressione hanno gli stessi sintomi. Alcune persone possono avere solo alcune e molte altre. La frequenza con cui si manifestano i sintomi e la loro durata varia da persona a persona. Questi sono alcuni sintomi della depressione:

  • Tristezza, ansia o sentimento “vuoto”
  • Sentirsi senza speranza
  • Perdita di interesse per gli hobby e le attività che un tempo ti piacevano
  • Energia ridotta
  • Difficoltà a concentrarsi, ricordare o prendere decisioni
  • Non essere in grado di dormire, svegliarsi troppo presto o dormire troppo e non voler alzarsi
  • Non avere voglia di mangiare, perdere peso o mangiare per “sentirsi meglio” e aumentare di peso
  • Pensieri di farti del male
  • Pensieri di morte o suicidio
  • Sii arrabbiati,  o facilmente infuriati
  • Costanti sintomi fisici che non migliorano con il trattamento, come mal di testa, mal di stomaco e dolore che non scompare

Penso che potrei soffrire di depressione. Come posso ottenere aiuto?

Di seguito, puoi vedere alcuni esempi di persone e luoghi che possono aiutarti a ottenere un trattamento.

  • Medico generico
  • Consiglieri o assistenti sociali
  • Servizi per la famiglia, agenzie di servizi sociali o clero
  • Programmi di assistenza dei dipendenti (PAE)
  • Psicologi e psichiatri

Se non sei sicura di dove cercare aiuto, controlla le pagine gialle nelle sezioni salute mentale, salute, servizi sociali, prevenzione del suicidio, servizi di intervento in caso di crisi, linee di assistenza, ospedali o medici per trovare numeri di telefono e indirizzi .

Cosa succede se ho pensieri su come farmi del male?

La depressione può farti pensare di causare danni o suicidio. Alcuni dei motivi per cui potresti essere ferita includono:

  • Alleviare il dolore emotivo e l’angoscia
  • Evitare, distrarre o contenere sentimenti forti
  • Cerca di stare meglio
  • Dimentica un ricordo o un pensiero doloroso
  • Punisci te stessa
  • Libera o esprima la rabbia che hai paura di esprimere ad altre persone

Tuttavia, causandoti dei danni, ottieni solo ciò: ferisci te stessa. Se stai pensando di farti del male o addirittura suicidio, chiedi aiuto! o cerca nella tua rubrica il numero di un centro di crisi per i casi di suicidio. I centri offrono esperti che possono aiutare le persone con i loro problemi e sviluppare un piano d’azione. In queste linee guida possono anche dirti dove andare per ottenere più aiuto di persona. Puoi anche parlare con un familiare di fiducia, un chierico o un dottore. Non c’è niente di sbagliato nel chiedere aiuto; tutti abbiamo bisogno di aiuto a volte.

Potresti sentire che il tuo dolore è troppo da affrontare, ma quei momenti non durano per sempre. Le persone lo fanno attraverso pensieri suicidi. Se non trovi qualcuno con cui parlare, scrivi i tuoi pensieri. Cerca di ricordare e scrivere le cose per cui ti senti grata . Fai una lista delle persone che sono i tuoi amici e familiari e che si prendono cura di te. Scrivi le tue speranze per il futuro. Leggi cosa hai scritto quando hai bisogno di ricordare a te stesso che la tua vita è IMPORTANTE!

Come viene rilevata e trattata la depressione?

La maggior parte delle persone con depressione migliora quando riceve un trattamento.

Il primo passo per ottenere il trattamento giusto è visitare un dottore. Alcuni farmaci, così come alcune condizioni (come alcuni virus o un disturbo della tiroide) possono causare gli stessi sintomi della depressione. Inoltre, è importante escludere la depressione associata ad un’altra malattia mentale chiamata disturbo bipolare . Un medico può escludere queste possibilità con un esame fisico, ponendo domande o eseguendo esami di laboratorio, a seconda delle condizioni mediche. Se è possibile escludere una condizione medica e il disturbo bipolare, il medico deve eseguire un esame psicologico o indirizzare la persona a un professionista della salute mentale.

Una volta identificato, la depressione può quasi sempre essere trattata con:

  • terapia
  • farmaci antidepressivi
  • Una combinazione di terapia e farmaci

Alcune persone con forme più lievi di depressione migliorano solo con la terapia. Altri con casi di depressione da moderata a grave possono beneficiare di antidepressivi. Potrebbero essere necessarie alcune settimane o alcuni mesi prima che inizi a sentire un cambiamento nel tuo umore. Alcuni trattamenti funzionano meglio per entrambe le persone: terapia e antidepressivi.

Dovrei smettere di prendere il mio antidepressivo durante la gravidanza?

La decisione se continuare con i farmaci o no è difficile. Devi parlare con il tuo dottore. I farmaci presi durante la gravidanza raggiungono il feto. In casi insoliti, alcuni antidepressivi sono stati associati a problemi respiratori e cardiaci nei neonati, oltre al nervosismo, all’ipoglicemia e alla difficoltà di alimentazione dopo il parto. Tuttavia, le madri che abbandonano i farmaci potrebbero essere ad alto rischio di ritorno della depressione. Parlate con il vostro medico dei rischi e dei benefici derivanti dall’assunzione di antidepressivi durante la gravidanza. Il tuo medico può aiutarti a decidere cosa è meglio per te e il tuo bambino.

In alcuni casi, la donna e il medico possono decidere di ridurre gradualmente la dose di antidepressivi durante l’ultimo mese di gravidanza. Questo può aiutare il neonato a soffrire meno sintomi di astinenza. Dopo il parto, la donna può tornare alla sua dose piena. Questo può aiutarti a sentirti meglio durante il periodo postpartum, quando il rischio di depressione può essere più alto.

Dovrei smettere di prendere il mio antidepressivo durante l’allattamento?

Se ha smesso di prendere i farmaci durante la gravidanza, potrebbe essere necessario ricominciare a prenderli di nuovo dopo la nascita del bambino. Tieni presente che poiché i farmaci possono essere trasmessi al latte materno, l’allattamento al seno può rappresentare un rischio per il bambino.

Tuttavia, molte ricerche mostrano che alcuni antidepressivi, come alcuni degli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina , sono stati usati in modo relativamente sicuro durante l’allattamento. (Gli SSRI sono un tipo di antidepressivo per il trattamento della depressione e dei disturbi d’ansia). Dovresti parlare con il tuo medico per scoprire se l’allattamento al seno è un’opzione o se dovresti dar da mangiare al tuo latte artificiale. Sebbene l’allattamento al seno abbia alcuni vantaggi per il bambino, la cosa più importante, come madre, è che devi stare in salute in modo da poterti prendere cura del tuo bambino.

Prima di assumere farmaci per un disturbo d’ansia:

  • Chiedi al tuo medico di informarti sugli effetti e gli effetti collaterali del farmaco.
  • Dì al tuo medico di terapie alternative o farmaci da banco che usi.
  • Chiedi al tuo medico quando e come smettere di prendere il farmaco. Alcuni farmaci non possono essere interrotti bruscamente, ma è possibile ridurre lentamente l’assunzione sotto la supervisione del proprio medico.
  • Parlate con il vostro medico per determinare quale farmaco è giusto per voi e quale è la dose migliore.
  • Tieni presente che alcuni farmaci sono efficaci solo se assunti regolarmente e i sintomi possono tornare se vengono fermati.

È sicuro che i giovani adulti utilizzino gli antidepressivi?

Può essere sicuro .Tuttavia, le aziende farmaceutiche che producono antidepressivi hanno l’obbligo di inserire un’etichetta di avvertimento “scatola nera” sui farmaci. Un avvertimento “scatola nera” è il tipo più grave di avvertimento sui farmaci da prescrizione.

Gli antidepressivi possono causare a bambini, adolescenti e giovani adulti di pensare di più al suicidio o commentare il suicidio. Nel 2007, la FDA ha dichiarato che i produttori di tutti i farmaci antidepressivi dovrebbero espandere l’avvertenza per includere giovani adulti fino a 24 anni di età.

L’avvertimento afferma che i pazienti di tutte le età che assumono antidepressivi devono essere monitorati attentamente, specialmente durante le prime settimane di trattamento. Alcuni possibili effetti collaterali sono un peggioramento della depressione, dei pensieri o del comportamento suicidario, o qualsiasi cambiamento insolito nel comportamento, come insonnia, nervosismo o isolamento da normali situazioni sociali. I familiari e gli operatori sanitari devono monitorare attentamente il paziente e informare il medico di eventuali cambiamenti nel comportamento.

.

Posso prendere l’erba di San Giovanni per curare la depressione?

L’erba di San Giovanni è una pianta con fiori gialli che è stata usata per secoli per curare i problemi di salute, tra cui depressione e ansia. Tuttavia, la ricerca dal National Institutes of Health ha rivelato che l’erba di San Giovanni non era efficace nel trattamento della depressione grave.

Altre ricerche rivelano che l’erba di San Giovanni può inibire l’efficacia di alcuni farmaci o che può causare pericolosi effetti collaterali. Questa erba sembra interferire con alcuni tipi di farmaci usati per il trattamento di malattie cardiache, HIV, depressione, convulsioni, alcuni tumori e rigetto del trapianto di organi. L’erba può anche ridurre l’efficacia delle pillole contraccettive. Per questi motivi, le persone dovrebbero sempre consultare i loro medici prima di assumere qualsiasi integratore a base di erbe.

L’erba di San Giovanni non è una terapia provata per la depressione. Se la depressione non viene trattata nel modo giusto, può essere aggravata e, in alcuni casi, può portare al suicidio.

Come posso aiutare me stesso se ho la depressione?

Potresti sentirti esausta, impotente e senza speranza. Può essere molto difficile fare qualcosa per aiutarti. Ma è importante rendersi conto che questi sentimenti fanno parte della depressione e non riflettono la vita reale. Mentre comprendi la tua depressione e inizi il trattamento, i pensieri negativi scompariranno. Nel frattempo:

  • Fare qualche attività moderata o esercizio fisico. Vai a vedere un film, una partita di baseball o un altro evento o attività che un tempo ti piaceva. Partecipare a attività religiose, sociali o di altro tipo.
  • Stabilisci obiettivi realistici per te stesso.
  • Dividi grandi compiti in diversi piccoli, imposta alcune priorità e fai ciò che puoi, come puoi.
  • Cerca di trascorrere del tempo con altre persone e condividi i tuoi sentimenti con un amico o un parente fidato. Cerca di non isolarti e lascia che gli altri ti aiutino.
  • Aspetta che il tuo umore migliori gradualmente, non immediatamente. Non aspettarti di superare improvvisamente la tua depressione. Durante il trattamento per la depressione, il sonno e l’appetito di solito iniziano a migliorare prima dell’umore.
  • Rinviare le decisioni importanti, come sposarsi, divorziare o cambiare lavoro, finché non si sente meglio. Parla delle tue decisioni con altre persone che ti conoscono bene e hanno una visione più obiettiva della tua situazione.
  • Siate certi che i pensieri positivi sostituiranno quelli negativi in ​​quanto la vostra depressione risponde al trattamento.

Depressione-come riconoscerla-quali sono le cause e gli approcci

ATTENZIONE: Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. 
Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata. Se si hanno dubbi o quesiti sull'uso di un farmaco è necessario contattare il proprio medico.   riferimenti : niddk.nih.gov

Leggi il Disclaimer .
Tratto da    http://www.corpo-e-mente.com