Diabete sintomi | come si diventa diabetici | corpo-e-mente

Cos’è il diabete?

Il diabete è una malattia che si verifica quando il livello di glucosio nel sangue, noto anche come zucchero nel sangue, è troppo altoLa glicemia è la principale fonte di energia e proviene dal cibo. L’insulina, un ormone prodotto dal pancreas, aiuta il glucosio nel cibo a entrare nelle cellule per essere usato come energia. A volte il corpo non produce abbastanza o non produce alcuna insulina o non lo usa correttamente e il glucosio rimane nel sangue e non raggiunge le cellule.

Nel tempo, troppa glucosio nel sangue può causare problemi di salute . Anche se il diabete non ha cura, la persona con il diabete può adottare misure per controllare la propria malattia e rimanere in salute.

A volte le persone che hanno il diabete dicono di avere “un po ‘di zucchero alto” o hanno “prediabete“. Questi termini ci fanno pensare che la persona non ha davvero il diabete o che il loro caso è meno grave. Tuttavia, tutti i casi di diabete sono gravi.

Quali sono i diversi tipi di diabete?

I principali tipi di diabete sono di tipo 1, tipo 2 e diabete gestazionale.

Diabete di tipo 1

Con il diabete di tipo 1, il corpo non produce insulina perché il sistema immunitario attacca e distrugge le cellule del pancreas che lo producono. In genere, il diabete di tipo 1 viene diagnosticato nei bambini e nei giovani adulti, anche se può apparire a qualsiasi età. Le persone con diabete di tipo 1 devono usare l’insulina ogni giorno per sopravvivere.

Diabete di tipo 2

Con il diabete di tipo 2, il corpo non produce o utilizza correttamente l’insulina. Il diabete di tipo 2 può manifestarsi a qualsiasi età, anche durante l’infanzia. Tuttavia, questo tipo di diabete si verifica più frequentemente nelle persone di mezza età e negli anziani. Questo è il tipo più comune di diabete.

Diabete gestazionale

Il diabete gestazionale colpisce alcune donne durante la gravidanza. Il più delle volte, questo tipo di diabete scompare dopo la nascita del bambino. Tuttavia, quando una donna ha avuto il diabete gestazionale si hanno maggiori probabilità di soffrire di diabete di tipo 2 più tardi nella vita. A volte il diabete viene diagnosticato durante la gravidanza è in realtà il diabete di tipo 2.

Altri tipi di diabete

Altri tipi meno comuni di questa malattia includono il diabete monogenico, che è una forma ereditaria di diabete e diabete correlata alla fibrosi cistica.

Quanto è comune il diabete?

Entro il 2015,  il 9,4% della popolazione, soffrivano di diabete. Più di 1 su 4 di queste persone non sapeva di avere la malattia. Il diabete colpisce 1 persona su 4 di età superiore ai 65 anni. Circa il 90-95% dei casi negli adulti corrisponde al diabete di tipo 2.

Chi è più probabile che soffra di diabete di tipo 2?

Le persone che hanno maggiori probabilità di sviluppare il diabete di tipo 2 sono quelle che hanno più di 45 anni, hanno una storia familiare di diabete o sono sovrappeso. L’inattività fisica, la corsa e alcuni problemi di salute, come l’ipertensione, influenzano anche la probabilità di avere il diabete di tipo 2. Inoltre, la probabilità di sviluppare il diabete di tipo 2 è maggiore se si dispone di prediabete o di diabete gestazionale .

Quali problemi di salute possono avere le persone con diabete?

Nel tempo, livelli elevati di glucosio nel sangue causano problemi come:

  • malattie cardiache
  • incidenti cerebrovascolari
  • malattie dei reni
  • problemi agli occhi
  • malattie dentali
  • lesioni nervose
  • problemi ai piedi

Le persone possono prendere alcune misure per ridurre la probabilità di avere questi problemi di salute legati al diabete .

Sintomi e cause del diabete

Quali sono i sintomi del diabete?

I sintomi del diabete includono:

  • aumentata sete e voglia di urinare
  • Aumento di appetito
  • fatica
  • visione offuscata
  • intorpidimento o formicolio alle mani o ai piedi
  • ulcere che non guariscono
  • Perdita di peso senza una ragione apparente

I sintomi del diabete di tipo 1 possono comparire rapidamente, nel giro di poche settimane. Al contrario, i sintomi del diabete di tipo 2 di solito progrediscono molto lentamente, per diversi anni, e possono essere così lievi che a volte non vengono neppure notati. Molte persone con diabete di tipo 2 non hanno sintomi. Alcuni sanno solo di avere la malattia quando sorgono problemi di salute legati al diabete, come la visione offuscata o problemi cardiaci .

Che cosa causa il diabete di tipo 1?

Il diabete di tipo 1 si verifica quando il sistema immunitario, che combatte le infezioni, attacca e distrugge le cellule beta nel pancreas che producono insulina. Gli scienziati pensano che il diabete di tipo 1 sia causato da geni e fattori ambientali, come i virus, che possono scatenare la malattia. Alcuni studi come TrialNet sono focalizzati sull’identificazione delle cause del diabete di tipo 1 e sui possibili modi per prevenire o ritardare il progresso o l’esordio della malattia.

Che cosa causa il diabete di tipo 2?

Il diabete di tipo 2, la forma più comune della malattia, è causato da diversi fattori, tra cui lo stile di vita e i geni.

Sovrappeso, obesità e inattività fisica

Una persona è più probabile che sviluppi il diabete di tipo 2 se non è fisicamente attivo e sovrappeso o obeso. A volte, l’eccesso di peso causa resistenza all’insulina ed è comune nelle persone con diabete di tipo 2. Anche la posizione del grasso corporeo è importante. L’eccesso di grasso della pancia è legato all’insulino-resistenza, al diabete di tipo 2 e alle malattie del cuore e dei vasi sanguigni. 

Insulino-resistenza

Il diabete di tipo 2 di solito inizia con l’insulino-resistenza, una condizione in cui muscolo, fegato e cellule adipose non usano correttamente l’insulina. Di conseguenza, il corpo ha bisogno di più insulina in modo che il glucosio possa entrare nelle cellule. Inizialmente, il pancreas produce più insulina per coprire l’aumento della domanda, ma nel tempo smette di produrre abbastanza insulina e aumenta i livelli di glucosio nel sangue.

Geni e storia familiare

Come nel diabete di tipo 1, alcuni geni possono rendere una persona più probabile avere il diabete di tipo 2. La malattia ha una tendenza ereditaria e si verifica più frequentemente in questi gruppi razziali o etnici:

  • afroamericano
  • nativi dell’Alaska
  • Nativi americani
  • Americani di origine asiatica
  • Ispanici o latini
  • nativi delle Hawaii
  • nativi delle isole del Pacifico

I geni possono anche aumentare il rischio di diabete di tipo 2 aumentando la tendenza della persona a essere sovrappeso o obesi.

Che cosa causa il diabete gestazionale?

Gli scienziati ritengono che il diabete gestazionale , un tipo di diabete che si verifica durante la gravidanza, sia causato da cambiamenti ormonali, fattori genetici e fattori di stile di vita.

Insulino-resistenza

Alcuni ormoni prodotti dalla placenta Contribuiscono alla resistenza all’insulina, che si verifica in tutte le donne verso la fine della gravidanza. La maggior parte delle donne in gravidanza può produrre abbastanza insulina per superare l’insulino-resistenza, ma alcune non lo fanno. Il diabete gestazionale si verifica quando il pancreas non produce abbastanza insulina.

Come nel diabete di tipo 2, l’eccesso di peso è legato al diabete gestazionale. Le donne in sovrappeso o obese possono già avere insulino-resistenza quando diventano incinte. Anche un eccessivo aumento di peso durante la gravidanza può essere un fattore.

I cambiamenti ormonali, l’aumento di peso eccessivo e la storia familiare possono tutti contribuire al diabete gestazionale.

Geni e storia familiare

Le donne con una storia familiare di diabete hanno maggiori probabilità di sviluppare il diabete gestazionale, il che suggerisce che i geni svolgono un ruolo. I geni possono anche spiegare perché il disturbo si verifica più spesso in afro-americani, nativi americani, asiatici, ispanici o latini.

Cos’altro può causare il diabete?

Alcune mutazioni genetiche Altre malattie, lesioni al pancreas e alcuni farmaci possono anche causare il diabete.

Mutazioni genetiche

  • Il diabete monogenico è causato da mutazioni o cambiamenti in un singolo gene. Questi cambiamenti sono generalmente trasmessi tra membri della famiglia, ma a volte la mutazione genetica avviene spontaneamente. La maggior parte di queste mutazioni genetiche causano il diabete perché causano la perdita della capacità del pancreas di produrre insulina. I tipi più comuni di diabete monogenico sono il diabete neonatale e il diabete giovanile dell’adulto (MODY). Il diabete neonatale si verifica nei primi 6 mesi di vita. I medici diagnosticano spesso il diabete giovanile nell’età adulta durante l’adolescenza o la prima età adulta, ma a volte la malattia non viene diagnosticata fino a tarda età.
  • il CF produce un eccesso di muco denso che provoca cicatrici nel pancreas. Queste cicatrici possono impedire al pancreas di produrre abbastanza insulina.
  • L’emocromatosi induce il corpo a immagazzinare troppo ferro. Se la malattia non viene curata, il ferro può accumularsi nel pancreas e in altri organi e danneggiarli.

Malattie ormonali

Alcune malattie causano l’organismo a produrre una quantità eccessiva di alcuni ormoni, che a volte causano insulino-resistenza e diabete.

  • Il Cushing s’ sindrome  Si verifica quando il corpo produce troppo cortisolo, che viene spesso definito come “l’ormone dello stress”.
  • L’acromegalia si verifica quando il corpo produce troppo ormone della crescita.
  • l’ ipertiroidismo  Si verifica quando la ghiandola tiroide produce troppo ormone tiroideo.

Lesioni o rimozione del pancreas

la pancreatite , il cancro del pancreas e il trauma possono danneggiare le cellule beta o farle perdere parte della loro capacità di produrre insulina, che porta al diabete. Se il pancreas ferito viene rimosso, il diabete si sviluppa a causa della perdita delle cellule beta.

farmaci

A volte, alcuni medicinali possono danneggiare le cellule beta o alterare il funzionamento dell’insulina. Questi includono:

  • niacina, un tipo di vitamina B3
  • alcuni tipi di diuretici
  • farmaci anticonvulsivanti
  • medicine psichiatriche
  • farmaci per il trattamento del virus dell’immunodeficienza umana (HIV) 
  • pentamidina, una medicina usata per trattare un tipo di polmonite
  • glucocorticoidi, medicinali che vengono utilizzati per il trattamento di malattie infiammatorie come l’artrite reumatoide , asma , lupus e colite ulcerosa 
  • Farmaci anti-rigetto, che vengono utilizzati per impedire al corpo di rifiutare un organo trapiantato

Le statine, che sono farmaci per ridurre i livelli di colesterolo LDL (il “colesterolo cattivo“), possono leggermente aumentare la probabilità di diabete. Tuttavia, le statine proteggono dalle malattie cardiache e dall‘ictus. Per questo motivo, i grandi benefici dell’assunzione di statine superano la piccola possibilità di sviluppare il diabete.

Se prende qualcuno di questi medicinali e sono preoccupati per i loro effetti collaterali, ne parli con il medico.

Fattori di rischio per il diabete di tipo 2

La probabilità di sviluppare il diabete di tipo 2 dipende da una combinazione di fattori di rischio, come geni e stile di vita. Sebbene non sia possibile modificare alcuni fattori di rischio come la storia familiare, l’età o l’origine etnica, è possibile modificare quelli che riguardano cibo, attività fisica e peso. Questi cambiamenti nello stile di vita possono influenzare la probabilità di sviluppare il diabete di tipo 2.

Di seguito è riportato un elenco dei fattori di rischio per il diabete di tipo 2 e puoi vedere quali si applicano al tuo caso. Se agisci sui fattori che possono cambiare, puoi ritardare o prevenire il diabete di tipo 2.

Una persona ha maggiori probabilità di sviluppare il diabete di tipo 2 se:

  • Sono sovrappeso o obesi
  • ha più di 45 anni
  • avere una storia familiare di diabete
  • è afro-americano, nativo dell’Alaska, nativo americano, asiatico americano, ispanico / latino, nativo hawaiano o isolano del Pacifico.
  • avere la pressione alta
  • avere un basso livello di colesterolo HDL (“il colesterolo buono”) o un alto livello di trigliceridi
  • ha una storia di diabete gestazionale o ha dato alla luce un bambino che pesava più di 9 chili
  • non rimane fisicamente attivo
  • avere una storia di malattie cardiache o incidenti cardiovascolari
  • lui ha la depressione 
  • avere la sindrome dell’ovaio policistico 
  • ha acanthosis nigricans, aree di pelle scura, spessa e vellutata attorno al collo o alle ascelle

È inoltre possibile prendere il test del rischio di diabete per scoprire il rischio di soffrire di diabete di tipo 2.

Per vedere se il tuo peso ti mette a rischio di sviluppare il diabete di tipo 2, cerca la tua altezza nei seguenti grafici dell’indice di massa corporea (BMI). Se il tuo peso è uguale o superiore a quello menzionato, la tua probabilità di sviluppare la malattia è maggiore.

Se non è di origine asiatica o delle isole del Pacifico Se è di origine asiatica Se sei nativo delle isole del Pacifico.
Rischio di BMI ≥ 25 Rischio di BMI ≥ 23 Rischio di BMI ≥ 26
Altezza (in piedi e pollici / metri e centimetri) Peso (in libbre / chili) Altezza (in piedi e pollici / metri e centimetri) Peso (in libbre / chili) Altezza (in piedi e pollici / metri e centimetri) Peso (in libbre / chili)
4’10 “(1,47 m) 119 (54 kg) 4’10 “(1,47 m) 110 (50 kg) 4’10 “(1,47 m) 124 (56 kg)
4’11 “(1,50 m) 124 (56 kg) 4’11 “(1,50 m) 114 (52 kg) 4’11 “(1,50 m) 128 (58 kg)
5’0 “(1.52 m) 128 (58 kg) 5’0 “(1.52 m) 118 (54 kg) 5’0 “(1.52 m) 133 (60 kg)
5’1 “(1,55 m) 132 (60 kg) 5’1 “(1,55 m) 122 (55 kg) 5’1 “(1,55 m) 137 (62 kg)
5’2 “(1,57 m) 136 (62 kg) 5’2 “(1,57 m) 126 (57 kg) 5’2 “(1,57 m) 142 (64 kg)
5’3 “(1,60 m) 141 (64 kg) 5’3 “(1,60 m) 130 (59 kg) 5’3 “(1,60 m) 146 (66 kg)
5’4 “(1,63 m) 145 (66 kg) 5’4 “(1,63 m) 134 (61 kg) 5’4 “(1,63 m) 151 (68 kg)
5’5 “(1,65 m) 150 (68 kg) 5’5 “(1,65 m) 138 (63 kg) 5’5 “(1,65 m) 156 (71 kg)
5’6 “(1,68 m) 155 (70 kg) 5’6 “(1,68 m) 142 (65 kg) 5’6 “(1,68 m) 161 (73 kg)
5’7 “(1,70 m) 159 (72 kg) 5’7 “(1,70 m) 146 (66 kg) 5’7 “(1,70 m) 166 (75 kg)
5’8 “(1,72 m) 164 (74 kg) 5’8 “(1,72 m) 151 (68 kg) 5’8 “(1,72 m) 171 (78 kg)
5’9 “(1,75 m) 169 (77 kg) 5’9 “(1,75 m) 155 (70 kg) 5’9 “(1,75 m) 176 (80 kg)
5’10 “(1,78 m) 174 (79 kg) 5’10 “(1,78 m) 160 (73 kg) 5’10 “(1,78 m) 181 (82 kg)
5’11 “(1,80 m) 179 (81 kg) 5’11 “(1,80 m) 165 (75 kg) 5’11 “(1,80 m) 186 (84 kg)
6’0 “(1,83 m) 184 (83 kg) 6’0 “(1,83 m) 169 (77 kg) 6’0 “(1,83 m) 191 (87 kg)
6’1 “(1,85 m) 189 (86 kg) 6’1 “(1,85 m) 174 (79 kg) 6’1 “(1,85 m) 197 (89 kg)
6’2 “(1,88 m) 194 (88 kg) 6’2 “(1,88 m) 179 (81 kg) 6’2 “(1,88 m) 202 (92 kg)
6’3 “(1,91 m) 200 (91 kg) 6’3 “(1,91 m) 184 (83 kg) 6’3 “(1,91 m) 208 (94 kg)
6’4 “(1,93 m) 205 (93 kg) 6’4 “(1,93 m) 189 (86 kg) 6’4 “(1,93 m) 213 (97 kg)

Cosa posso fare per prevenire il diabete di tipo 2?

Puoi aiutare a prevenire o ritardare il diabete di tipo 2 perdendo peso se sei in sovrappeso, consumando meno calorie e facendo più attività fisica. Parlate con il vostro medico di una delle condizioni sopra citate che potrebbero richiedere un trattamento medico. La gestione di questi problemi di salute può aiutare a ridurre le probabilità di sviluppare il diabete di tipo 2. Inoltre, chiedi al tuo medico quali farmaci prendi per aumentare il rischio.

Come prevenire il diabete di tipo 2

Forse hai scoperto di avere un’alta probabilità di sviluppare il diabete di tipo 2, il tipo più comune di questa malattia. Forse sei in sovrappeso o un padre, un fratello o una sorella con diabete di tipo 2. Forse hai avuto il diabete gestazionale, che è quello che appare durante la gravidanza. Questi sono solo alcuni esempi dei fattori che possono aumentare la probabilità di soffrire di diabete di tipo 2 .

Il diabete può causare seri problemi di salute , come problemi di cuore, ictus e problemi agli occhi e ai piedi. I pre-diabete può anche causare problemi di salute. La buona notizia è che è possibile ritardare o addirittura prevenire l’insorgenza del diabete di tipo 2. Più una persona ha il diabete, maggiore è la probabilità di soffrire di problemi di salute; pertanto, ritardare l’insorgenza del diabete anche di pochi anni è benefico per la salute. Puoi aiutare a prevenire o ritardare l’insorgenza del diabete di tipo 2 se perdi una quantità moderata di peso seguendo un programma alimentare con ridotto apporto calorico e facendo attività fisica quasi tutti i giorni della settimana.Chiedi al tuo medico se dovresti prendere metformina , un medicinale antidiabetico che aiuta a prevenire o rallentare il diabete di tipo 2 .

Come posso ridurre le mie possibilità di sviluppare il diabete di tipo 2?

La ricerca, come quella del Diabetes Prevention Program, mostra che si può fare molto per ridurre la probabilità di sviluppare il diabete di tipo 2. Ecco alcune modifiche che puoi fare per ridurre il rischio:

  • Perdere peso e non aumentarlo di nuovo. È possibile prevenire o ritardare l’insorgenza del diabete se si perde dal 5 al 7% del peso iniziale.  Ad esempio, se pesassi 200 libbre (90 kg), il tuo obiettivo sarebbe di perdere circa da 10 a 14 libbre (da 4,5 a 6 kg).
  • Sposta di più. Fai almeno 30 minuti di attività fisica 5 giorni a settimana. Se sei stato inattivo, chiedi al tuo medico quali sono le attività migliori per te. Inizia lentamente e vai avanti fino a raggiungere il tuo obiettivo.
  • Mangiare sano per la maggior parte del tempo. Mangia porzioni più piccole per ridurre la quantità di calorie che consumi ogni giorno e quindi aiuta a perdere peso. Scegliere cibi con meno grassi è un altro modo per ridurre le calorie. Bevi acqua invece di bevande zuccherate.

Chiedi al tuo fornitore di assistenza sanitaria quali altre modifiche puoi fare per prevenire o ritardare il diabete di tipo 2.

La maggior parte delle volte, la migliore opzione per prevenire il diabete di tipo 2 è di apportare cambiamenti nel tuo stile di vita che funzionano per te a lungo termine. Inizia con un piano d’azione per prevenire il diabete di tipo 2.

Perdere peso con una dieta sana e un’attività fisica regolare può aiutare a prevenire il diabete di tipo 2.

Cosa devo fare se il mio medico mi ha detto che ho prediabete?

Il prediabete viene diagnosticato quando i livelli di glucosio nel sangue o di zucchero nel sangue sono più alti del normale, ma non sufficienti per diagnosticare il diabete. Il pre-diabete è serio perché aumenta la probabilità che appaia il diabete di tipo 2. Molti dei fattori che aumentano la probabilità di sviluppare il diabete di tipo 2 mettono la persona a rischio per il prediabete.

Altri nomi di prediabete sono alterati a causa del glucosio a digiuno o della ridotta tolleranza al glucosio. Alcune persone chiamano prediabete “diabete borderline“.

Secondo recenti dati e statistiche sul diabete dei Centers for Disease Control and Prevention, circa 1 su 3 persone negli Stati Uniti ha prediabetes. Non puoi dire se hai prediabetes a meno che tu non abbia un test.

Se hai prediabete puoi ridurre le possibilità di sviluppare il diabete di tipo 2 perdendo peso se necessario, facendo più attività fisica e seguendo un programma dietetico ipocalorico.

Avviare il piano d’azione per prevenire il diabete di tipo 2. Se si desidera ulteriore supporto, è possibile trovare un programma di cambiamento dello stile di vita nella propria area attraverso il Programma nazionale di prevenzione del diabete.

Rimanere fisicamente attivi è un modo per aiutare a prevenire il pre-diabete diventando diabete di tipo 2.

Se avessi il diabete gestazionale durante la gravidanza, come posso ridurre le possibilità di sviluppare il diabete di tipo 2?

Il diabete gestazionale è un tipo di diabete che si verifica durante la gravidanza e di solito va dopo che il bambino è nato. Anche se il diabete gestazionale scompare, hai ancora maggiori possibilità di sviluppare il diabete di tipo 2 nei prossimi 5-10 anni. Il tuo bambino ha anche maggiori probabilità di diventare obeso e di soffrire di diabete di tipo 2 in età avanzata. Fare scelte salutari aiuta tutta la famiglia e può impedire a tuo figlio di diventare obeso o diabetico.

Fare attività fisica in azienda è un ottimo modo per ridurre la probabilità di sviluppare il diabete di tipo 2 e quello dei tuoi cari.

Ecco i passi che dovresti fare, sia per te che per tuo figlio, se tu avessi il diabete gestazionale:

  • Fai il test del diabete da 6 a 12 settimane dopo la nascita del bambino. Se il tuo livello di glucosio nel sangue è ancora alto, potresti avere il diabete di tipo 2; se è normale, dovresti fare il test ogni 3 anni per vedere se hai sviluppato il diabete di tipo 2.
  • Resta più attivo e mangia sano per tornare a un peso sano.
  • Allatta il tuo bambino L’allattamento al seno dà al bambino il giusto equilibrio di nutrienti e ti aiuta a bruciare calorie.
  • Chiedi al tuo medico se dovresti prendere metformina, un medicinale che aiuta a prevenire il diabete di tipo 2.

Test e diagnosi del diabete

Il medico o altri operatori sanitari possono diagnosticare il diabete, il prediabete e il diabete gestazionale attraverso esami del sangue. Le analisi del sangue mostrano se il livello di glucosio nel sangue, chiamato anche glicemia, è troppo alto.

Non cercare di diagnosticare se pensi di avere il diabete. Le apparecchiature che possono essere acquistate senza prescrizione medica, come i glucometri, non possono diagnosticare il diabete.

Gli esami del sangue aiutano gli operatori sanitari a diagnosticare il diabete e il prediabete.

Chi dovrebbe essere testato per il diabete?

Chiunque abbia sintomi di diabete dovrebbe essere esaminato per rilevare la malattia. Alcune persone non avranno sintomi, ma potrebbero avere fattori di rischio per il diabete e dovrebbero essere esaminati. I test consentono agli operatori sanitari di rilevare il diabete prima e di lavorare con i loro pazienti per gestire la malattia e prevenirne le complicazioni.

I test consentono inoltre agli operatori sanitari di rilevare i prediabetes. I cambiamenti dello stile di vita volti a perdere una moderata quantità di peso, se sei in sovrappeso, possono aiutare a rallentare o prevenire il diabete di tipo 2 .

Diabete di tipo 1

Test per il diabete di tipo 1 è quasi sempre fatto per le persone che hanno sintomi della malattia. I medici diagnosticano spesso il diabete di tipo 1 nei bambini e nei giovani adulti. Poiché il diabete di tipo 1 può essere ereditato, uno studio chiamato TrialNet offre test ai familiari di persone che soffrono della malattia, anche se non hanno sintomi.

Diabete di tipo 2

Gli esperti raccomandano di eseguire test di routine per rilevare il diabete di tipo 2 se:

  • ha più di 45 anni o
  • hai tra i 19 ei 44 anni, sovrappeso o obeso e uno o più fattori di rischio del diabete
  • è una donna che ha avuto il diabete gestazionale .

Medicare copre il costo dei test per la diagnosi del diabete per le persone che hanno determinati fattori di rischio per questa malattia. Se si dispone di Medicare, scoprire se si soddisfano i requisiti per la copertura . Se hai un’altra assicurazione, chiedi alla tua compagnia di assicurazione se copre i tuoi test di screening del diabete.

Anche se il diabete di tipo 2 si verifica più frequentemente negli adulti, può verificarsi anche nei bambini. Gli esperti raccomandano lo screening di bambini tra 10 e 18 che sono in sovrappeso o obesi e almeno due di questi altri fattori di rischio per il diabete: 

  • basso peso alla nascita
  • sua madre aveva il diabete durante la gravidanza
  • qualsiasi fattore di rischio menzionato nei fattori di rischio per il diabete di tipo 2

Diabete gestazionale

Tutte le donne incinte che non sono state precedentemente diagnosticate con il diabete devono essere sottoposte a screening per il diabete gestazionale . Se sei incinta, dovresti sottoporti a un test di tolleranza al glucosio tra le 24 e le 28 settimane di gravidanza. 

Quali test vengono utilizzati per diagnosticare il diabete e il prediabete?

La maggior parte degli operatori sanitari usa spesso il glucosio plasmatico a digiuno o il test A1C per diagnosticare il diabete. In alcuni casi, possono ordinare un glucosio plasmatico casuale.

Glucosio plasmatico a digiuno

Il glucosio plasmatico a digiuno è un test che misura il livello di glucosio nel sangue in un determinato momento. Per ottenere i risultati più affidabili, è meglio fare l’esame al mattino, dopo un digiuno di almeno 8 ore. Digiunare significa non mangiare o bere niente più di qualche sorso d’acqua.

Test A1C

A1C è un esame del sangue che indica i livelli medi di glucosio nel sangue (glicemia) negli ultimi 3 mesi. Altri nomi per il test A1C sono l’emoglobina A1c, l’HbA1C e l’emoglobina glicosilata. Puoi mangiare e bere prima di questo test. Quando il medico usa l’A1C per diagnosticare il diabete, prende in considerazione fattori come l’età e la presenza di anemia o qualche altro problema di sangue.  Il test A1C non fornisce risultati accurati nelle persone con anemia.

Il medico o un altro membro del team sanitario segnalerà il risultato del test A1C come percentuale, ad esempio un A1C del 7%. Maggiore è la percentuale, maggiore è il livello medio di glucosio nel sangue negli ultimi tre mesi.

Le persone con diabete usano anche le informazioni del test A1C per aiutare a controllare la loro malattia .

Test glicemico casuale (o glicemia casuale)

A volte, gli operatori sanitari utilizzare questo test per diagnosticare il diabete quando i sintomi e non vogliono aspettare che la persona ad avere otto ore di digiuno. Per questo test non è necessario digiunare durante la notte, perché può essere fatto in qualsiasi momento.

Quali test vengono utilizzati per diagnosticare il diabete gestazionale?

Le donne in gravidanza possono essere testate per sovraccarico di glucosio orale, test di tolleranza al glucosio orale o entrambi. Questi test mostrano come il corpo gestisce il glucosio.

Test di sovraccarico del glucosio orale

Se sei incinta e un operatore sanitario vuole sapere se hai il diabete gestazionale, puoi prima ordinare un test di sovraccarico orale di glucosio. Altri nomi per questo test sono il test di screening del diabete gestazionale o il test di O’Sullivan. In questo test, il medico preleverà il campione di sangue un’ora dopo aver assunto un liquido dolce contenente glucosio. Non è necessario essere a digiuno per questo esame. Se il livello di glucosio nel sangue è troppo alto (da 135 a 140 o più), potrebbe essere chiesto di tornare a stomaco vuoto per un test di tolleranza al glucosio orale.

Test di tolleranza al glucosio orale

Il test di tolleranza al glucosio orale misura la glicemia dopo il digiuno per almeno 8 ore. In primo luogo, un professionista della salute prenderà un campione di sangue a digiuno e poi ti darà un liquido contenente glucosio da bere. Per fare la diagnosi di diabete gestazionale, è necessario ottenere un campione di sangue ogni ora per 2 o 3 ore.

Se i livelli di glucosio nel sangue sono elevati in due o più campioni del test di tolleranza al glucosio orale, cioè il digiuno, al momento, alle 2 o alle 3, si ha il diabete gestazionale. Il team sanitario spiegherà i risultati del test.

Gli operatori sanitari possono anche utilizzare questo test per diagnosticare il diabete di tipo 2 e il prediabete in persone che non sono in gravidanza. Il test orale di tolleranza al glucosio aiuta gli operatori sanitari a rilevare il diabete di tipo 2 e il prediabete meglio del test della glicemia a digiuno, ma è un test più costoso e non è così facile da eseguire. Per diagnosticare il diabete di tipo 2 e il prediabete, un operatore sanitario dovrà ottenere un campione di sangue un’ora dopo aver bevuto il liquido contenente glucosio e nuovamente dopo 2 ore.

Quali valori di questo test indicano se ho il diabete o il prediabete?

Tutti i test per rilevare diabete e prediabete utilizzano una misura diversa. In generale, lo stesso metodo di prova deve essere ripetuto un altro giorno per diagnosticare il diabete. Il medico può anche utilizzare un secondo metodo di test per confermare la diagnosi.

La seguente tabella ti aiuterà a capire cosa significano i valori del tuo test, se non sei incinta.

diagnosi A1C (percentuale) Glucosio plasmatico a digiuno (GPA) Test di tolleranza al glucosio orale (PTOG) ab Test al glucosio plasmatico random (GPa)
normale Sotto 5.7 Sotto 99 Sotto 139
prediabete Da 5,7 a 6,4 Da 100 a 125 Da 140 a 199
diabete Sopra 6. 5 Sopra 126 Sopra i 200 Sopra i 200

Quali test aiutano il mio medico a sapere che tipo di diabete ho?

Sebbene i test descritti qui possano confermare che hai il diabete, non puoi identificare quale tipo. A volte gli operatori sanitari non sono sicuri se il diabete sia di tipo 1 o di tipo 2. Il diabete monogenico, un tipo raro di diabete che può interessare i bambini, può anche essere confuso con il diabete di tipo 1. Dipende dal tipo di diabete e, quindi, è importante conoscere il tipo.

Per scoprire se il tuo diabete è di tipo 1, l’operatore sanitario può cercare determinati autoanticorpi. Gli autoanticorpi sono anticorpi che attaccano erroneamente cellule e tessuti sani. La presenza di uno o più dei vari tipi di autoanticorpi specifici del diabete è comune nel diabete di tipo 1, ma non nel diabete di tipo 2 o monogenico. Un professionista sanitario dovrà prelevare campioni di sangue per questo test.

Se hai avuto il diabete mentre eri incinta, dovresti fare il test da 6 a 12 settimane dopo la nascita del tuo bambino per vedere se hai il diabete di tipo 2.

Controllo del diabete

Puoi controllare il tuo diabete e vivere una vita lunga e sana se ti prendi cura di lui ogni giorno.

Il diabete può colpire quasi ogni parte del corpo. Questo è il motivo per cui dovrai gestire i livelli di glucosio nel sangue, chiamato anche zucchero nel sangue. Il controllo del livello di glucosio nel sangue, così come la pressione sanguigna e il colesterolo, può aiutare a prevenire i problemi di salute che possono verificarsi con il diabete.

Come posso controllare il mio diabete?

Con l’aiuto del tuo team sanitario, puoi creare un piano di autogestione del diabete per controllare la tua malattia. Il tuo piano di auto-cura può includere i passaggi elencati di seguito.

I fattori chiave della gestione del diabete

Conoscere i fattori chiave del diabete ti aiuterà a controllare i livelli di glucosio nel sangue, pressione sanguigna e colesterolo. Smettere di fumare, se fumi, ti aiuterà anche a gestire il diabete. Cercando di raggiungere i risultati ideali dei fattori chiave del diabete, può aiutare a ridurre la probabilità di avere un infarto, ictus o altri problemi di diabete .

Test A1C

Il test A1C mostra il livello medio della glicemia negli ultimi 3 mesi. Il livello ideale di A1C per molte persone con diabete è inferiore al 7%. Chiedi al tuo team sanitario quale dovrebbe essere il tuo obiettivo.

Pressione sanguigna

L’obiettivo della pressione arteriosa per la maggior parte delle persone con diabete dovrebbe essere inferiore a 140/90 mm Hg. Chiedi quale dovrebbe essere la tua misura ideale.

colesterolo

Hai due tipi di colesterolo nel sangue: LDL e HDL. LDL o colesterolo “cattivo” possono accumulare e intasare i vasi sanguigni. Troppo colesterolo cattivo può causare un infarto o ictus. Il colesterolo HDL o il colesterolo “buono” aiutano a eliminare il colesterolo “cattivo” dai vasi sanguigni.

Chiedere al team di assistenza sanitaria quali dovrebbero essere i loro valori di colesterolo. Se hai più di 40 anni, potresti aver bisogno di assumere statine per la salute del cuore.

Smetti di fumare

Astenersi dal fumare è particolarmente importante per le persone con diabete perché sia ​​questa abitudine che il diabete riducono il diametro dei vasi sanguigni. Il restringimento dei vasi sanguigni fa sì che il cuore lavori di più. Anche le sigarette elettroniche non sono buone.

Se smetti di fumare puoi:

  • ridurre il rischio di infarto, ictus, malattie nervose, malattie renali, malattie degli occhi diabetici e amputazione
  • migliorare il colesterolo e la pressione sanguigna
  • migliorare la circolazione del sangue
  • trovare più facile rimanere fisicamente attivi

Se fumi o usi altri prodotti a base di tabacco, smetti di fumare. Chiedi aiuto in modo da non doverlo fare da solo.

Mantenere il livello di A1C, la pressione sanguigna e i livelli di colesterolo vicini ai risultati ideali e smettere di fumare può aiutarti a prevenire gli effetti dannosi del diabete a lungo termine. Questi problemi di salute comprendono malattie cardiache, ictus, malattie renali, lesioni nervose e malattie degli occhi. Puoi tenere traccia dei risultati dei tuoi fattori chiave con un record di cura del diabete. Portalo con te ai tuoi appuntamenti medici. Discutete dei vostri obiettivi e dei vostri progressi e chiedete se è necessario apportare modifiche al piano di cura del diabete.

Segui la tua dieta per il diabete

Fai un piano alimentare per il diabete con l’aiuto del tuo team di assistenza sanitaria. Seguire questo piano ti aiuterà a controllare il livello di glucosio nel sangue, la pressione sanguigna e il colesterolo.

Mangiare frutta e verdura, legumi, cereali integrali, pollo o tacchino senza pelle, pesce, carne magra e latte e formaggi magri o non grassi. Bevi acqua invece di bevande zuccherate con zucchero. Mangiare cibi a basso contenuto di calorie, grassi saturi, grassi trans, zucchero e sale. Scopri di più su nutrizione, cibo e attività fisica se hai il diabete .

Trasforma l’attività fisica in un’abitudine

Si noti l’obiettivo di una maggiore attività fisica. Prova a fare circa 30 minuti o più di esercizio quasi ogni giorno della settimana.

Camminare e nuotare a ritmo sostenuto sono dei buoni modi per esercitarsi. Se non ti alleni, chiedi al tuo team di assistenza sanitaria su quali tipi e quanta attività fisica è adatta a te. Scopri di più su come rimanere fisicamente attivi se hai il diabete .

Nuotare o camminare nell’acqua è un buon modo per fare esercizio.

Seguire il piano alimentare ed essere più attivi fisicamente può aiutarti a raggiungere o mantenere un peso sano. Se sei in sovrappeso o obeso, lavora con il tuo team di assistenza sanitaria per creare un piano di perdita di peso che è giusto per te.

Prendi le tue medicine

Prendi i farmaci per il diabete e altri problemi di salute, anche se ti senti bene o hai raggiunto il tuo livello ideale di glicemia, pressione sanguigna e colesterolo. Questi farmaci ti aiuteranno a gestire i fattori chiave del diabete. Chiedi al tuo medico se dovresti prendere l’aspirina per prevenire un infarto o ictus. Informa il tuo medico o un altro membro del tuo team sanitario se non hai un modo per pagare i tuoi farmaci o se hai effetti collaterali quando li assumi. Ulteriori informazioni su insulina e altri medicinali per il diabete .

Controlla i livelli di glucosio nel sangue

Per molte persone con diabete, il controllo quotidiano del livello di glucosio nel sangue è un modo importante per controllare la malattia. Questo controllo è ancora più importante se usi l’insulina. I risultati del monitoraggio della glicemia possono aiutarti a prendere decisioni sulla dieta, sull’attività fisica e sui farmaci.

Misurare e registrare il livello di glucosio nel sangue è una parte importante della gestione del diabete.

Il modo più comune per controllare il livello di glucosio nel sangue in casa è con un glucometro. Tieni una goccia di sangue pungente sul lato del polpastrello con una lancetta. Quindi, applicare il sangue su una striscia reattiva. Il misuratore ti mostrerà la quantità di glucosio che hai nel sangue in quel momento.

Chiedi al tuo team di assistenza sanitaria quanto spesso dovresti controllare i livelli di glucosio nel sangue. Assicurati di tenere una registrazione giornaliera delle misure che fai del tuo livello di glucosio. È possibile stampare copie di questa tabella di auto-monitoraggio dei livelli di glucosio . Porta questo record ai tuoi appuntamenti medici.

Cos’è il monitoraggio continuo del glucosio?

Il monitoraggio continuo del glucosio è un altro modo per controllare il livello di glucosio nel sangue. La maggior parte dei sistemi di monitoraggio utilizza un sensore minuscolo che viene inserito sotto la pelle e ogni pochi minuti misura i livelli di glucosio nel fluido che circola tra le cellule. È possibile visualizzare le variazioni del livello di glucosio durante il giorno e la notte. Se questo sistema di monitoraggio mostra che il livello di glucosio è troppo alto o troppo basso, è necessario misurarlo con un glucometro prima di apportare modifiche al piano alimentare, all’attività fisica o ai farmaci. Il sistema di monitoraggio continuo del glucosio è particolarmente utile per le persone che usano l’insulina e hanno bassi livelli di glucosio nel sangue.

Quali sono i valori raccomandati di glicemia?

Molte persone con diabete cercano di mantenere il loro glucosio a questi livelli normali:

  • prima di un pasto: da 80 a 130 mg / dL
  • circa 2 ore dopo l’inizio di un pasto: inferiore a 180 mg / dL

Chiedi a un membro del tuo team sanitario quali sono i livelli più appropriati per te. Assicurati di farle sapere se i suoi livelli di glucosio nel sangue sono spesso sopra o sotto i risultati ideali per te.

Cosa succede se il mio livello di glucosio nel sangue è troppo basso?

A volte i livelli di glucosio nel sangue scendono al di sotto del normale. Questo è noto come ipoglicemia. Per la maggior parte delle persone con diabete, i livelli sono considerati bassi quando sono inferiori a 70 mg / dL.

L’ipoglicemia può essere fatale e deve essere trattata immediatamente. Ulteriori informazioni su come riconoscere e trattare l’ipoglicemia .

Cosa succede se il mio livello di glucosio nel sangue è troppo alto?

I medici riferiscono a livelli elevati di glucosio nel sangue come iperglicemia.

I sintomi che questi livelli potrebbero essere troppo alti includono:

  • sensazione di sete
  • sentirsi stanco o debole
  • mal di testa
  • bisogno di urinare frequentemente
  • visione offuscata

Se hai spesso alti livelli di glucosio nel sangue o sintomi di iperglicemia, parla con il tuo team di assistenza sanitaria. Potrebbe essere necessario apportare modifiche al piano pasti, al piano di attività fisica o alle medicine per il diabete.

Lavora con il tuo team di assistenza sanitaria

La maggior parte delle persone con diabete si rivolge a un medico di base per le cure. Questi sono internisti, medici di famiglia e pediatri. Occasionalmente, l’assistenza primaria è fornita da assistenti medici (“assistenti”) e infermieri con una formazione aggiuntiva (infermieri). Sarà inoltre necessario visitare altri professionisti della salute di volta in volta. Un team di assistenza sanitaria può aiutarti a migliorare la tua cura personale del diabete. Ricorda, tu sei il membro più importante del tuo team di assistenza sanitaria.

Oltre a un medico di base, il team di assistenza sanitaria può includere:

  • un endocrinologo per la cura specialistica del diabete
  • un nutrizionista certificato (o dietista)
  • un’infermiera
  • un educatore di diabete certificato
  • un farmacista
  • un dentista
  • un oculista
  • un podologo o un professionista specializzato nella cura dei piedi
  • un assistente sociale, che può aiutarti a trovare un aiuto finanziario per il trattamento e le risorse della comunità
  • un terapista o un altro professionista della salute mentale

Fai domande ai membri del tuo team di assistenza sanitaria. Fai un elenco delle domande che ti si presentano prima dell’appuntamento in modo da non dimenticare ciò che vuoi sapere.

Condividi il tuo programma di auto-cura del diabete e il tuo livello di glicemia con il medico.

Dovresti visitare il tuo team di assistenza sanitaria almeno due volte l’anno, o più frequentemente se hai problemi o se hai problemi a raggiungere i tuoi risultati ideali per glicemia, pressione sanguigna o colesterolo . Ad ogni appuntamento, assicurati di misurare la pressione sanguigna, esaminare i piedi, controllare il peso e rivedere il piano di auto-cura. Parla con il tuo team sanitario delle tue medicine e, se necessario, regolale. Le solite cure mediche ti aiuteranno a rilevare e trattare qualsiasi problema di salute in modo tempestivo, o addirittura a prevenirlo.

Parlate con il vostro medico dei vaccini che dovrebbero essere applicati per evitare malattie Questi possono includere il vaccino influenzale (influenza) e il vaccino contro la polmonite. La prevenzione delle malattie è una parte importante della cura del diabete. I livelli di glucosio nel sangue tendono ad aumentare quando la persona è malata o ha un’infezione. Ulteriori informazioni sulla cura del diabete quando si è malati e in altre occasioni speciali, come i viaggi.

Affronta il tuo diabete in modo sano

Sentirsi stressati, tristi o di cattivo umore è comune tra le persone con diabete. Lo stress può aumentare i livelli di glucosio nel sangue, ma puoi imparare a ridurli. Si può provare la respirazione profonda, lavorando in giardino, fare una passeggiata, fare yoga o la meditazione, dedicandosi al suo hobby preferito o ascoltare la vostra musica preferita. Consideriamo partecipano ad un programma di formazione sul diabete o gruppo di sostegno dove insegnano le tecniche per ridurre lo stress. Scopri di più su modi sani per far fronte allo stress.

La depressione è comune nelle persone con una malattia cronica o lungo – termine . La depressione può interferire con i tuoi sforzi per gestire il tuo diabete. Chiedi aiuto se ti senti depresso. Un professionista della salute mentale, un gruppo di supporto, un membro del clero, un amico o un familiare che presta attenzione ai propri sentimenti può aiutarti a sentirti meglio.

Prova a dormire dalle 7 alle 8 ore di notte. Dormire bene può aiutarti a migliorare il tuo umore e il tuo livello di energia. Puoi prendere certe misure per migliorare le tue abitudini di sonno. Se si sente spesso sonnolenza durante il giorno, si può avere apnea ostruttiva del sonno , un problema medico in cui la respirazione si ferma momentaneamente molte volte durante la notte. L’apnea notturna è comune nelle persone con diabete. Parlate con il vostro team sanitario se pensate di avere problemi di sonno.

Ricorda, gestire il diabete non è facile, ma ne vale la pena.

Insulina, farmaci e altri trattamenti per il diabete

L’insulina e altri medicinali per il diabete sono di solito parte del trattamento della malattia. Insieme a un’alimentazione sana e all’attività fisica, le medicine possono aiutarti a controllare la malattia. Ci sono altre opzioni di trattamento disponibili.

Quali medicine potrei assumere per il diabete?

Il medicinale che assumerai varierà in base al tipo di diabete e se il medicinale controlla bene i livelli di glucosio nel sangue. Altri fattori, come problemi di salute aggiuntivi, i costi dei farmaci e le attività quotidiane, possono influenzare i farmaci che prendi per il diabete.

Diabete di tipo 1

Se hai il diabete di tipo 1, devi iniettare l’insulina perché il tuo corpo non produce più questo ormone. Dovrai usare l’insulina più volte al giorno, anche durante i pasti. Potresti anche usare una pompa per insulina , che ti dà piccole dosi costantemente durante il giorno.

Diabete di tipo 2

Alcune persone con diabete di tipo 2 possono controllare la propria malattia scegliendo un’alimentazione sana e facendo più attività fisica. Molte persone con diabete di tipo 2 necessitano anche di farmaci per il diabete. Questi possono includere compresse o medicinali che vengono iniettati sotto la pelle, come l’insulina. Nel tempo, potrebbe essere necessario più di un farmaco per controllare la glicemia. Anche se non usi l’insulina, potresti averne bisogno in occasioni speciali, come durante la gravidanza o se sei ricoverato in ospedale.

Diabete gestazionale

Se hai il diabete gestazionale , devi prima provare a controllare la glicemia mangiando sano e facendo esercizio regolarmente. Se non riesci a raggiungere il livello di glicemia ideale, il tuo team sanitario ti fornirà informazioni sui farmaci per il diabete, come l’insulina o farmaci orali come la metformina, che possono essere assunti senza problemi durante la gravidanza. Il tuo team sanitario può prescrivere farmaci contro il diabete immediatamente se il livello di glucosio nel sangue è troppo alto.

Qualunque sia il tuo tipo di diabete, a volte dover assumere medicine ogni giorno può sembrare un peso. Come parte del piano di gestione del diabete, potrebbe anche essere necessario assumere farmaci per altri problemi di salute, come l’ipertensione o il colesterolo alto.

Quali sono i diversi tipi di insulina?

Esistono diversi tipi di insulina disponibili. Ognuno inizia a lavorare a una velocità diversa, che è conosciuta come “l’inizio dell’azione”, e esercitano il loro effetto in tempi diversi, che è noto come “durata dell’effetto”. La maggior parte delle insuline raggiunge un picco, che è quando hanno l’effetto più forte, e quindi questo effetto svanisce nel corso di poche ore.

Tipi di insulina e come funzionano
Tipo di insulina Quanto tempo ci vuole per iniziare a lavorare (inizio dell’azione) Quando raggiunge il picco Quanto tempo ci vuole (durata dell’effetto)
Azione rapida Circa 15 minuti dopo l’iniezione 1 ora Da 2 a 4 ore
Azione breve, anche chiamata regolare Entro 30 minuti dopo l’iniezione 2 o 3 ore Da 3 a 6 ore
Azione intermedia 2 o 4 ore dopo l’iniezione Da 4 a 12 ore 12 a 18 ore
Azione prolungata Diverse ore dopo l’iniezione Non raggiunge il picco 24 ore; alcuni durano più a lungo

La tabella precedente indica le medie. Segui i consigli del tuo medico su quando e come usare l’insulina. Il medico può anche raccomandare un’insulina premiscelata, che è una miscela di due tipi di insulina. Poiché alcuni tipi di insulina costano più degli altri, chiedi al tuo medico se sono preoccupati per il costo. 

Quali sono i diversi modi di usare l’insulina?

Il modo in cui usi l’insulina può dipendere dal tuo stile di vita, dal tuo piano di assicurazione sanitaria e dalle tue preferenze. Puoi decidere che gli aghi non sono la tua cosa e inclinati verso un metodo diverso. Parlate con il vostro medico delle vostre opzioni e cosa è meglio per voi. La maggior parte delle persone con diabete usa un ago e una siringa, autoiniettori a penna o una pompa per insulina. Gli inalatori, le porte di iniezione e gli iniettori di insulina a getto sono meno comuni.

Ago e siringa

È possibile applicare le iniezioni di insulina con un ago e una siringa. Usi la siringa per estrarre la dose di insulina dalla fiala o dalla fiala. L’insulina lavora più velocemente quando viene iniettata nell’addome, ma i punti di applicazione devono essere ruotati. Altri punti includono le cosce, i glutei o la parte superiore del braccio. Alcune persone con diabete che usano l’insulina hanno bisogno di due o quattro iniezioni al giorno per raggiungere i livelli di glucosio nel sangue desiderati, mentre altri possono aver bisogno di una sola iniezione.

Le iniezioni di insulina comportano la rimozione del medicinale da una fiala con una siringa e quindi l’iniezione sotto la pelle.

Autoiniettore per insulina a penna

Questo dispositivo per iniettare l’insulina sembra una penna a sfera, ma ha un ago sulla punta. Alcuni di questi autoiniettori di insulina sono già pieni e usa e getta. Altri hanno spazio per una cartuccia di insulina che viene inserita e sostituita dopo l’uso. Questi autoiniettori per insulina costano più degli aghi e delle siringhe, ma molte persone li trovano più facili da usare.

Gli autoiniettori per insulina a penna a sfera sono un modo conveniente per somministrare insulina.

pompa

Una pompa per insulina è una piccola macchina che amministra piccole dosi costanti di insulina durante il giorno. La pompa viene utilizzata all’esterno del corpo su una cintura o in una tasca o borsa. È collegato a un piccolo tubo di plastica e un ago molto piccolo che viene inserito sotto la pelle e rimane diversi giorni sul posto. La pompa eroga insulina al corpo attraverso il tubo 24 ore al giorno. L’utente può anche applicare ulteriori dosi di insulina con la pompa durante i pasti. C’è un altro tipo di pompa che non ha tubi e si collega direttamente alla pelle, come un cerotto autoadesivo.

Le pompe per insulina forniscono insulina 24 ore al giorno.

inalatore

Un altro modo per somministrare l’insulina è inalare in polvere attraverso la bocca usando un dispositivo inalatore. L’insulina raggiunge i polmoni e passa rapidamente nel sangue. L’insulina per inalazione è solo per gli adulti con diabete di tipo 1 o di tipo 2.

Porta di iniezione

Una porta di iniezione ha un tubo corto che viene inserito nel tessuto sotto la pelle. Sulla superficie della pelle, un cerotto adesivo o una benda tiene la porta in posizione. L’insulina viene iniettata attraverso la porta con un ago e una siringa o con un autoiniettore di insulina tipo penna. La porta rimane sul posto per alcuni giorni e quindi sostituita da un’altra. Con una porta di iniezione non è più necessario perforare la pelle per ogni iniezione, ma solo quando viene applicata una nuova porta.

Iniettore di insulina tipo Jet

Questo dispositivo invia una spruzzata fine di insulina nella pelle ad alta pressione invece di usare un ago per somministrarla.

Quali farmaci orali sono disponibili per il trattamento del diabete di tipo 2?

È possibile che, oltre a una dieta sana e all’attività fisica, sia necessario assumere medicinali per gestire il diabete di tipo 2. Esistono diversi farmaci antidiabetici assunti per via orale e noti come farmaci orali o orali.

La maggior parte delle persone con diabete di tipo 2 inizia il trattamento con metformina in compresse, anche se anche in forma liquida. La metformina riduce la quantità di glucosio prodotta nel fegato e aiuta il corpo a utilizzare meglio l’insulina. Questo farmaco può aiutarti a perdere peso.

Altre medicine orali agiscono in modi diversi per abbassare i livelli di glucosio nel sangue. Potrebbe essere necessario aggiungere un altro medicinale contro il diabete dopo un po ‘o utilizzare una combinazione di trattamenti. La combinazione di due o tre tipi di farmaci per il diabete può abbassare i livelli di glucosio nel sangue più che se ne usi solo uno.

Quali altri farmaci iniettabili ci sono per il trattamento del diabete di tipo 2?

Oltre all’insulina, ci sono altri tipi di medicinali iniettabili che aiutano a mantenere il livello di glucosio nel sangue troppo alto dopo aver mangiato. Forse prenderanno un po ‘del loro appetito e li aiuteranno a perdere peso. Questi medicinali iniettabili aggiuntivi non sono sostituti dell’insulina. Ulteriori informazioni su medicinali iniettabili diversi dall’insulina .

Cosa dovrei sapere sugli effetti collaterali dei farmaci per il diabete?

Gli effetti collaterali sono problemi derivanti dall’uso di un medicinale. Se non si bilanciano i farmaci con la propria dieta e il proprio livello di attività fisica, alcuni medicinali per il diabete possono causare ipoglicemia , cioè bassa glicemia.

Chiedi al tuo medico se il medicinale che usi per il diabete può causare ipoglicemia o altri effetti collaterali, come mal di stomaco o aumento di peso. Prendi i farmaci contro il diabete come indicato dal tuo medico per evitare gli effetti collaterali e i problemi del diabete.

Ho altre opzioni per il trattamento del diabete?

Quando le medicine e i cambiamenti dello stile di vita non sono sufficienti per controllare il diabete, un’altra opzione potrebbe essere un trattamento meno comune. Ulteriori trattamenti comprendono la chirurgia bariatrica per alcune persone con diabete di tipo 1 o di tipo 2 e un “pancreas artificiale” e il trapianto di isole pancreatiche per alcune persone con diabete di tipo 1.

Chirurgia bariatrica

La chirurgia bariatrica, nota anche come chirurgia per la perdita di peso o per la chirurgia metabolica, può aiutare alcune persone con obesità e diabete di tipo 2 a perdere molto peso ea riguadagnare i livelli normali di glucosio nel sangue. Alcune persone con diabete possono sopprimere i loro farmaci per il diabete dopo la chirurgia bariatrica. Il miglioramento dei livelli di glucosio nel sangue e la loro durata variano a seconda del paziente, del tipo di intervento chirurgico per perdere peso e della quantità di peso perso. Altri fattori includono per quanto tempo la persona è stata diabetica e se usa o meno l’insulina.

Alcune recenti ricerche suggeriscono che la chirurgia dimagrante può anche aiutare a migliorare il controllo dei livelli di glucosio nel sangue nelle persone con diabete di tipo 1 che sono anche obesi.

I ricercatori stanno studiando i risultati a lungo termine della chirurgia bariatrica nelle persone con diabete di tipo 1 e di tipo 2.

Pancreas artificiale

Il NIDDK (Istituto Nazionale di Diabete e Malattie Digestive e Renali ) ha svolto un ruolo importante nello sviluppo della tecnologia del “pancreas artificiale”. Un pancreas artificiale sostituisce i test manuali dei livelli di glucosio nel sangue e l’uso di insulina nelle iniezioni o nella pompa per infusione. Un singolo sistema monitora i livelli di glucosio nel sangue 24 ore al giorno e fornisce automaticamente l’insulina o una combinazione di insulina e un secondo ormone, il glucagone. Il sistema può anche essere controllato a distanza, ad esempio da genitori o personale medico.

Nel 2016, la FDA ((“Agenzia per gli Alimenti e i Medicinali“)  ha approvato un tipo di pancreas artificiale chiamato sistema ibrido a circuito chiuso. Questo sistema chiuso calcola il livello di glucosio ogni 5 minuti durante il giorno e la notte, e fornisce automaticamente la giusta quantità di insulina.

È ancora necessario regolare manualmente la quantità di insulina che la pompa eroga durante i pasti, ma il pancreas artificiale rilascia la persona da alcune delle attività quotidiane necessarie a mantenere stabile il livello di glucosio nel sangue o aiuta passare la notte senza dover svegliarsi per misurare la glicemia o prendere una medicina.

Si prevede che il sistema ibrido a circuito chiuso sarà disponibile negli Stati Uniti nel 2017. Chiedete al vostro medico se questo sistema potrebbe essere giusto per voi.

Il NIDDK (Istituto Nazionale di Diabete e Malattie Digestive e Renali ) ha finanziato diversi importanti studi sui diversi tipi di pancreas artificiale per aiutare le persone con diabete di tipo 1 a gestire meglio la loro malattia. Questi dispositivi potrebbero anche aiutare le persone con diabete di tipo 2 e diabete gestazionale.

Trapianto di isole pancreatiche

Il trapianto di isole pancreatiche è un trattamento sperimentale per il diabete di tipo 1 mal controllato. Le isole sono piccoli gruppi di cellule nel pancreas che producono l’insulina ormonale. Nel diabete di tipo 1, il sistema immunitario attacca queste cellule. Trapiantando le isole pancreatiche, le isole distrutte vengono sostituite da nuove che producono e rilasciano insulina. Per questa procedura, le isole del pancreas di un donatore di organi vengono prelevate e trasferite a una persona con diabete di tipo 1. Poiché i ricercatori stanno ancora studiando il trapianto di isole pancreatiche, la procedura è disponibile solo per le persone che partecipano a studi sulle isole pancreatiche. ricerca. Ottieni qui maggiori informazioni sugli studi sul trapianto di isole.

Nutrizione, alimentazione e attività fisica in caso di diabete

La nutrizione e l’attività fisica sono parti importanti di uno stile di vita sano per le persone con diabete. Oltre ad altri benefici, seguire un piano alimentare salutare e rimanere fisicamente attivi può aiutarti a mantenere il livello di glucosio nel sangue entro i limiti desiderati. Per gestire il livello di glucosio nel sangue devi bilanciare ciò che mangi e bevi con l’attività fisica e le medicine per il diabete, se li usi. Cosa, quanto e quando mangiare è importante per mantenere il livello di zucchero nel sangue entro i limiti raccomandati dal personale sanitario.

All’inizio aumentare la tua attività fisica e apportare modifiche a ciò che mangi e bevi. Potrebbe essere più facile per te se inizi con piccole modifiche e ricevi aiuto dalla tua famiglia, dai tuoi amici e dal tuo team sanitario.

Mangiare bene ed essere attivi quasi tutti i giorni della settimana può aiutarti:

  • mantenere i valori di glicemia, pressione sanguigna e colesterolo nei valori desiderati
  • perdere peso o mantenere un peso sano
  • prevenire o ritardare i problemi del diabete
  • sentirsi bene e avere più energia

Cosa posso mangiare se ho il diabete?

Potresti pensare che avere il diabete significhi che non sarai in grado di mangiare gli alimenti che ti piacciono. La buona notizia è che puoi mangiare i tuoi cibi preferiti, ma potresti doverlo fare in porzioni più piccole o meno frequentemente. Il tuo team sanitario ti aiuterà a creare un piano alimentare per le persone con diabete che soddisfano i loro bisogni e gusti.

La chiave del diabete è consumare una varietà di cibi sani da tutti i gruppi, negli importi indicati nel piano alimentare.

I gruppi alimentari sono:

  • verdure
    • non amido (senza amido): includere broccoli, carote, verdure a foglia verde, peperoni e pomodori
    • feculentas (ricco di amido): include patate, mais e piselli (piselli)
  • Frutta – include arance, meloni, fragole, mele, banane e uva
  • chicchi : almeno la metà dei chicchi del giorno devono essere cereali integrali
    • comprende grano, riso, avena, mais, orzo e quinoa
    • esempi: pane, pasta, cereali e tortillas
  • proteine
    • carne magra (a basso contenuto di grassi)
    • pollo o tacchino senza pelle
    • pesce
    • uova
    • noci e arachidi
    • fagioli secchi e altri legumi come ceci e piselli spezzati
    • sostituti della carne, come il tofu
  • latticini a basso contenuto di grassi o a basso contenuto di grassi
    • latte o latte senza lattosio se si soffre di intolleranza al lattosio
    • yogurt
    • formaggio

Scopri di più sui gruppi alimentari del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) ChooseMyPlate.gov  (con informazioni in spagnolo).

Mangiare cibi che hanno grassi sani per il cuore, principalmente da queste fonti:

  • oli che rimangono liquidi a temperatura ambiente, come la colza e l’oliva
  • noci e semi
  • pesce sano per il cuore, come salmone, tonno e sgombro
  • avocado

Per cucinare, usare l’olio al posto del burro, della panna, del lardo o della margarina solida.

Scegli grassi sani, come noci, semi e olio d’oliva.

Quali alimenti e bevande dovrei limitare se ho il diabete?

Gli alimenti e le bevande che devono essere limitati includono:

  • cibi fritti e altri ricchi di grassi saturi e grassi trans
  • alimenti con un alto contenuto di sale, chiamato anche sodio
  • dolci, come prodotti da forno, dolci e gelati
  • bevande con zuccheri aggiunti, come succhi di frutta, bibite e sport regolari o bevande energetiche

Bevi acqua invece di bevande zuccherate. Considera l’uso di un sostituto dello zucchero nel tuo caffè o tè.

Se bevi alcolici, fallo con moderazione. Questo significa, non più di un bicchiere al giorno se sei una donna o due bevi al giorno se sei un uomo. Se si utilizzano farmaci per l’insulina o il diabete che aumentano la quantità di insulina prodotta dall’organismo, l’alcol può rendere il livello di glucosio nel sangue troppo basso. Questo è particolarmente vero se non hai mangiato per un po ‘di tempo. È meglio mangiare qualcosa quando bevi alcolici.

Quando dovrei mangiare se ho il diabete?

Alcune persone con diabete devono mangiare quasi alla stessa ora ogni giorno. Altri possono essere più flessibili con i loro orari dei pasti. A seconda dei farmaci per il diabete o del tipo di insulina che usi, potresti dover consumare la stessa quantità di carboidrati ogni giorno alla stessa ora. Se usi l’insulina “durante i pasti”, i tuoi pasti possono essere più flessibili.

Se usa l’insulina o alcuni medicinali per il diabete e salta o fa ritardare un pasto, il livello di glucosio nel sangue può scendere troppo. Chiedi al tuo team sanitario quando dovresti mangiare e se dovresti mangiare prima e dopo aver fatto un’attività fisica.

Quanto posso mangiare se ho il diabete?

Consumare la giusta quantità di cibo ti aiuterà anche a gestire la glicemia e il peso. Il tuo team sanitario può aiutarti a definire quanto cibo e quante calorie dovresti mangiare ogni giorno. 

Pianificazione della perdita di peso

Se sei sovrappeso o obeso, lavora con il tuo team sanitario per stabilire un piano per perdere peso.

Questi strumenti possono essere utili:

  • Weight Loss Planner (in inglese) può aiutarti ad adattare i tuoi piani per raggiungere e mantenere il peso desiderato.
  • La SuperRegistration  (in inglese) consente di seguire la dieta, l’attività fisica e il peso.

Per perdere peso è necessario consumare meno calorie e sostituire cibi meno sani con cibi ipocalorici, grassi e zuccheri.

Se hai il diabete, sei in sovrappeso o obeso e stai pensando di avere un bambino, dovresti cercare di perdere peso in eccesso prima di rimanere incinta .

Metodi per pianificare i pasti

Due metodi che vengono spesso utilizzati per pianificare quanto mangiare se si dispone del diabete sono il metodo della piastra e il conteggio dei carboidrati (chiamati anche carboidrati). Rivolgiti al tuo team sanitario sul metodo più adatto a te.

Metodo piatto

Il metodo lastra ti aiuta a controllare le dimensioni delle tue porzioni. Non devi contare le calorie. Il metodo mostra la quantità di ogni gruppo alimentare che dovresti mangiare e funziona meglio a pranzo ea cena.

Utilizzare un piatto del diametro di 9 pollici (15 cm). Riempire metà della piastra con le verdure senza amido, in una stanza del piatto mettere una carne o altra proteina e nell’ultimo quarto del piatto mettere i cereali o un altro tipo di fonte di amido. Le fonti di amido includono verdure amidacee come mais e piselli. Puoi anche mangiare una piccola tazza di frutta o un frutto e bere un piccolo bicchiere di latte se è incluso nel tuo piano alimentare.

Puoi trovare molte combinazioni alimentari diverse e maggiori dettagli sul metodo del piatto nella risorsa Crea il tuo piatto  dall’American Diabetes Association.

Il piano alimentare giornaliero può includere anche piccoli spuntini tra i pasti.

Dimensioni di servizio

Puoi usare oggetti di uso quotidiano o la tua mano per calcolare la dimensione di una porzione.

  • 1 porzione di carne o pollo è uguale al palmo della mano o a un mazzo di carte
  • 1 porzione di 3 once (100 g) di pesce è uguale alla taglia di un libretto degli assegni
  • 1 porzione di formaggio equivale a sei dadi
  • ½ tazza di pasta o riso cotto equivale a una manciata o alle dimensioni di una pallina da tennis
  • 1 porzione di frittella o waffle è uguale alla dimensione di un DVD
  • 2 cucchiai di burro di noccioline equivalgono alle dimensioni di una pallina da ping-pong.

Conta di carboidrati

Il conteggio dei carboidrati comporta tenere traccia della quantità di carboidrati che si consumano ogni giorno. Poiché i carboidrati vengono convertiti in glucosio nel corpo, influenzano il livello di glucosio nel sangue più degli altri alimenti. Il conteggio dei carboidrati può aiutarti a controllare la glicemia. Se si utilizza l’insulina, il conteggio dei carboidrati può aiutare a determinare la dose corretta.

La quantità corretta di carboidrati varia a seconda di come gestisci il diabete e include quanta attività fisica svolgi e quali medicine assumi, se ce ne sono. Il tuo team di assistenza sanitaria può aiutarti a creare un piano alimentare personalizzato basato sul conteggio dei carboidrati.

La quantità di carboidrati nel cibo è misurata in grammi. Per contare i grammi di carboidrati nel tuo cibo, avrai bisogno di:

  • sapere quali alimenti contengono carboidrati
  • leggere l’ etichetta del contenuto nutrizionale o imparare a calcolare la quantità di grammi di carboidrati negli alimenti che si mangiano
  • aggiungi i grammi di carboidrati in ogni cibo per ottenere i carboidrati totali per ogni pasto e per il giorno

La maggior parte dei carboidrati proviene da amidi, frutta, latte e dolci. Cerca di limitare i carboidrati che hanno aggiunto zuccheri o cereali raffinati, come pane bianco e riso bianco. Invece di consumare i carboidrati di frutta, verdura, cereali integrali, legumi e latte magro o senza grassi.

Un sacchetto di generi alimentari contenente frutta, verdura, latte e pane.  

 

 

 

 

 

 

 

Scegli carboidrati sani, come frutta, verdura, cereali integrali, legumi e latte a basso contenuto di grassi come parte della vostra dieta.

Oltre a utilizzare il metodo della piastra e il conteggio dei carboidrati, è possibile consultare un dietista nutrizionista o registrato che vi dirà le opzioni della terapia medica nutrizionale.

Cos’è la terapia nutrizionale medica?

La terapia nutrizionale medica è un servizio fornito da dietisti o nutrizionisti registrati per creare piani pasto personalizzati in base alle loro esigenze e ai loro gusti. È stato dimostrato che la terapia nutrizionale medica migliora la gestione del diabete. Medicare paga per la terapia nutrizionale medica per le persone con diabete . Se hai un’assicurazione diversa da Medicare, chiedi se copre la terapia nutrizionale medica per il diabete.

Gli integratori e le vitamine mi aiutano con il diabete?

Non vi è alcuna prova chiara del consumo di integratori alimentari come vitamine, minerali, erbe o spezie possono aiutare la gestione del diabete. Potresti aver bisogno di integratori se non riesci ad avere abbastanza vitamine e minerali dal tuo cibo. Parli con il medico prima di assumere qualsiasi integratore, in quanto alcuni possono causare effetti indesiderati o alterare l’effetto dei farmaci. 

Perché dovrei fare attività fisica se ho il diabete?

L’attività fisica è importante per il controllo dei livelli di glucosio nel sangue e per mantenersi in salute. L’attività fisica ha molti benefici per la salute.

Attività fisica:

  • riduce i livelli di glucosio nel sangue
  • bassa pressione sanguigna
  • migliora la circolazione sanguigna
  • brucia calorie in eccesso in modo da poter mantenere il peso controllato, se necessario
  • migliora il tuo umore
  • può prevenire cadute e migliorare la memoria negli anziani
  • può aiutarti a dormire meglio

Se sei in sovrappeso, combinare l’attività fisica con una dieta a basso contenuto calorico può avere ancora più vantaggi. Nello studio Look AHEAD: Action for Health in Diabetes  , gli adulti obesi con diabete di tipo 2 che mangiavano meno e si muovevano di più avevano benefici per la salute a lungo termine maggiori di quelli che non hanno apportato questi cambiamenti. Questi vantaggi includono livelli di colesterolo migliori, meno apnea del sonno e maggiore libertà di movimento.

Anche piccole quantità di attività fisica possono aiutare. Gli esperti suggeriscono di fissare un obiettivo di almeno 30 minuti di attività fisica moderata o vigorosa 5 giorni alla settimana. L’attività moderata è un po ‘difficile e l’attività vigorosa è intensa e difficile. Se si desidera perdere peso o perdere peso, potrebbe essere necessario fare 60 minuti o più di attività fisica 5 giorni a settimana. 

Abbi pazienza Puoi trascorrere alcune settimane di attività fisica prima di notare cambiamenti nella tua salute.

Come posso rimanere fisicamente attivo senza problemi se ho il diabete?

Assicurati di bere acqua prima, durante e dopo l’allenamento per rimanere idratato. Di seguito, ti diamo altri suggerimenti per attività fisiche sicure per le persone con diabete.

Bevi acqua quando ti alleni per rimanere idratato.

Pianifica la tua attività fisica

Parla con il tuo team di assistenza sanitaria prima di iniziare una nuova routine di esercizi, soprattutto se hai altri problemi di salute. Il tuo team sanitario ti dirà la gamma dei livelli di glucosio nel sangue e ti suggerirà come esercitare in modo sicuro.

Il tuo team di assistenza sanitaria può anche aiutarti a decidere il momento migliore della giornata per esercitare in base al programma, al piano pasti e ai farmaci per il diabete. Se si usa l’insulina, si dovrà bilanciare l’attività che si fa con le dosi di insulina e con i pasti, per evitare di abbassare troppo il livello di glucosio nel sangue.

Prevenire l’ipoglicemia

Poiché l’attività fisica riduce il livello di glucosio nel sangue, è necessario proteggersidall’ipoglicemia . L’ipoglicemia è più probabile nelle persone che usano l’insulina o altri medicinali per il diabete, come le sulfoniluree. L’ipoglicemia può verificarsi anche dopo un allenamento lungo e intenso o se un pasto viene saltato prima dell’esercizio. L’ipoglicemia può verificarsi mentre si fa attività fisica o fino a 24 ore dopo.

La pianificazione è la chiave per prevenire l’ipoglicemia. Ad esempio, se si usa insulina, il medico può suggerire di abbassare la dose o mangiare un piccolo spuntino con carboidrati prima, durante o dopo l’attività fisica, specialmente se è intenso. 

Potrebbe essere necessario misurare il livello di glucosio nel sangue prima, durante e immediatamente dopo l’attività fisica.

Prenditi cura dei tuoi piedi

Le persone con diabete possono avere problemi ai piedi a causa della scarsa circolazione sanguigna e dei danni ai nervi, che possono derivare da alti livelli di glucosio nel sangue. Per evitare questi problemi, si consiglia di indossare scarpe comode e di stare in piedi e mantenere i piedi e la salute della pelle prima, durante e dopo l’attività fisica.

Quali attività fisiche dovrei fare se ho il diabete?

Quasi tutti i tipi di attività fisica possono aiutarti a gestire il diabete. Alcuni possono essere pericolosi per alcune persone, come quelli che hanno una visione scarsa o ferite ai nervi dei piedi. Chiedi al tuo team sanitario quali attività fisiche non sono pericolose per te. Molte persone preferiscono camminare con i loro amici o parenti come un modo per esercitare.

Fare diversi tipi di attività fisica ogni settimana fornirà i maggiori benefici per la salute. Mescolarli aiuta anche a combattere la noia e ridurre le loro possibilità di infortuni. Prova alcune delle opzioni di attività fisica che ti offriamo di seguito.

Aggiungi attività aggiuntive alla tua routine quotidiana

Se hai avuto un periodo di inattività o stai iniziando una nuova attività, inizia lentamente, facendo solo da 5 a 10 minuti al giorno. A poco a poco, il tempo aumenta ogni settimana. Puoi aumentare la tua attività giornaliera spendendo meno tempo davanti alla TV o ad un’altra schermata. Prova questi semplici modi per aggiungere attività fisica alla tua vita ogni giorno:

  • passeggiare per casa mentre sei al telefono o durante gli spot televisivi
  • Faccende domestiche come lavorare in giardino, rastrellare le foglie, pulire la casa o lavare la macchina
  • lascia la tua auto il più lontano possibile nel parcheggio del centro commerciale e cammina fino al negozio
  • usa le scale invece dell’ascensore
  • Fai in modo che le tue gite familiari includano attività fisiche, come un giro in bicicletta in famiglia o una passeggiata nel parco.

Se ti siedi per un lungo periodo lavorando alla scrivania o guardando la TV, fai attività leggera per 3 o più minuti ogni mezz’ora.  attività di luce includono:

  • sollevare o estendere le gambe
  • allungare le braccia sopra la testa
  • accendi la sedia della scrivania
  • fare giri del busto
  • fare inclinazioni laterali
  • camminare nel luogo (senza spostarsi dallo stesso luogo)

Fare esercizio aerobico

L’esercizio aerobico è un’attività che fa battere il cuore più velocemente e rende più difficile respirare. L’obiettivo è fare esercizio aerobico per 30 minuti al giorno, quasi tutti i giorni della settimana. Non devi fare tutte le attività allo stesso tempo. È possibile dividere questi minuti in alcuni periodi durante il giorno.

Per ottenere il massimo dalla tua attività, l’esercizio dovrebbe essere moderato o vigoroso. provare:

  • camminare ad un ritmo costante o fare escursioni
  • salire le scale
  • nuotare o fare lezioni di aerobica in acqua
  • danza
  • andare in bicicletta (può essere fermo)
  • prendere lezioni di aerobica
  • giocare a basket, tennis o altri sport

Parla con il tuo team di assistenza sanitaria su come eseguire gli esercizi di riscaldamento prima e raffreddati dopo aver fatto qualche attività fisica.

Fare allenamento per la forza per aumentare la massa muscolare

Puoi allenare la forza con pesi a mano, elastici o pesi.

L’allenamento di forza è un’attività fisica lieve o moderata che rafforza i muscoli e aiuta a mantenere le ossa in buona salute. L’allenamento per la forza è importante per uomini e donne. Quando si hanno più muscoli e meno grasso corporeo, si bruciano più calorie e questo può aiutare a perdere peso e non a risalire.

Puoi allenare la forza con pesi a mano, elastici o pesi. Prova a farlo due o tre volte a settimana. Inizia con poco peso e aumenta gradualmente la dimensione dei pesi man mano che i muscoli diventano più forti.

Fai esercizi di stretching

Gli esercizi di stretching sono un’attività fisica lieve o moderata. Gli allungamenti aumentano la flessibilità, riducono lo stress e aiutano a prevenire i dolori muscolari.

Puoi scegliere tra molti tipi di esercizi di stretching. Lo yoga è un tipo di stretching che si concentra sulla respirazione e aiuta con il rilassamento. Anche se hai problemi di movimento o di equilibrio, alcuni tipi di yoga possono essere utili. Ad esempio, lo yoga della sedia ha tratti che si possono fare seduti su una sedia o appoggiarsi su una sedia in piedi. Il tuo team sanitario può dirti se lo yoga è giusto per te.

Come prevenire i problemi del diabete

Quali sono i problemi del diabete?

I problemi del diabete si presentano quando c’è troppa glucosio nel sangue per molto tempo. I livelli elevati di glucosio nel sangue, chiamati anche alti livelli di zucchero nel sangue, possono danneggiare molti organi del corpo come il cuore, i vasi sanguigni, gli occhi e i reni. Le malattie cardiache e le malattie dei vasi sanguigni possono causare infarti o ictus. Puoi fare molto per prevenire o ritardare i problemi del diabete.

Avrò problemi causati dal diabete?

Forse. È possibile che tu abbia uno o più problemi causati dal diabete, ma è anche possibile che tu non abbia alcun problema. Se una persona ha il diabete nella sua giovinezza, potrebbero passare molti anni prima che insorgano i problemi di diabete. Quando il diabete viene diagnosticato in età adulta, è possibile che la persona abbia già problemi di diabete.

Rimani attivo per prevenire problemi di diabete.

Quali sono i miei livelli raccomandati di glicemia?

Mantenere il livello di glucosio nel sangue entro i limiti desiderati può prevenire o ritardare i problemi del diabete. La tabella qui sotto mostra i livelli raccomandati di glicemia per la maggior parte delle persone con diabete.

Livelli raccomandati di glicemia per molte persone con diabete
Prima dei pasti da 80 a 130
1 o 2 ore dopo l’inizio del pasto meno di 180

Parlate con il vostro fornitore di assistenza sanitaria per indicare quali livelli di glucosio nel sangue che si deve avere e scriverle qui.

I miei livelli raccomandati di glucosio nel sangue
Prima dei pasti da ____ a ____
1 o 2 ore dopo l’inizio del pasto meno di ____

Parlate con il vostro medico riguardo a quando i livelli devono essere misurati usando un glucometro. I test saranno fatti da soli. Il tuo medico può mostrarti come usare il misuratore.

Quando si misurano i livelli di glucosio nel sangue, scriverli sul foglio di registrazione che è incluso nelle pagine 20 e 21 di questo opuscolo. Puoi fare copie di questo foglio o chiedere al tuo medico di darti un quaderno per registrare i livelli di glucosio nel sangue. Le note che fai sul foglio di registrazione aiuteranno sia te che il tuo medico a sviluppare un piano per controllare la glicemia. Porta il tuo notebook a tutte le consultazioni con il tuo medico in modo che tu possa parlare di come raggiungere i livelli di glicemia desiderati.

Come posso determinare il mio livello medio di glucosio nel sangue?

Chiedi al tuo medico per un test A1C. Questo esame del sangue rivela il livello medio di glucosio nel sangue durante gli ultimi 2 o 3 mesi. Fai questo test almeno due volte all’anno. Se il risultato del test A1C non rientra nei limiti raccomandati, il medico può farlo più spesso per determinare se il risultato migliora con i cambiamenti nel trattamento. Il risultato del test A1C insieme ai risultati del glucometro può mostrare se stai monitorando bene il livello di glucosio nel sangue.

Il risultato A1C raccomandato per la maggior parte delle persone con diabete è inferiore al 7%. Parlate con il vostro medico per sapere se questo risultato è corretto nel vostro caso. Quindi, annota il risultato raccomandato per il test A1C nella tabella sottostante.

Il mio risultato desiderato per il test A1C è ____________ percento.

Se si raggiunge il risultato raccomandato per il test A1C, il livello di glucosio nel sangue rientra nei limiti desiderati e il piano di trattamento del diabete funziona. Più basso è il risultato del test, meno è probabile che tu abbia problemi di salute.

Se il risultato del test è troppo alto, potrebbe essere necessario apportare modifiche al piano di trattamento. Il team di professionisti medici può aiutarti a determinare cosa dovrebbe cambiare. Potrebbe essere necessario modificare il piano alimentare, i farmaci che si prendono per il diabete o il programma di attività fisica.

Cosa significa il risultato del test A1C?
Il mio risultato A1C Il mio livello medio di glucosio nel sangue
6% 135
7% 170
8% 205
9% 240
10% 275
11% 310
12% 345

Quale dovrebbe essere la mia pressione sanguigna?

Avere una normale pressione sanguigna aiuterà a prevenire danni agli occhi, ai reni, al cuore e ai vasi sanguigni. La pressione sanguigna è espressa con due numeri separati da una diagonale. Ad esempio, 120/70 è detto “120 su 70”. Il primo numero deve essere inferiore a 140 e il secondo numero deve essere inferiore a 90, a meno che il medico non stabilisca un obiettivo diverso per te. Mantenere la pressione sanguigna il più vicino possibile a quei numeri. Se hai già una malattia renale, chiedi al tuo medico quale dovrebbe essere la pressione del sangue.

Fai la tua pressione sanguigna ad ogni visita.

Un piano alimentare, i farmaci e l’attività fisica possono aiutarti a raggiungere la pressione sanguigna raccomandata.

Quale dovrebbe essere il mio livello di colesterolo?

I livelli normali di colesterolo e grassi nel sangue aiuteranno a prevenire le malattie cardiache e l’ictus, che sono i problemi più gravi nelle persone con diabete. Mantenere sotto controllo il livello di colesterolo può anche aiutarti a migliorare il flusso sanguigno. Chiedi a un medico di testare il livello di grassi nel sangue almeno una volta all’anno. Un piano alimentare, attività fisica e farmaci possono aiutarti a raggiungere i livelli desiderati di grasso nel sangue.

Qual è la relazione tra fumo e problemi del diabete?

Fumo e diabete sono una combinazione pericolosa. Il fumo aumenta il rischio di problemi legati al diabete. Se smetti di fumare, ridurrai il rischio di infarto, ictus, malattie renali e malattie nervose. I tuoi livelli di colesterolo e la pressione sanguigna potrebbero migliorare. Inoltre migliorerà il flusso sanguigno.

Se fumi, parla con il tuo medico per aiutarti a smettere di fumare.

Cos’altro posso fare per prevenire i problemi del diabete?

Puoi fare molti passi per prevenire il diabete. Ad esempio, per prevenire problemi ai piedi, dovresti controllarli tutti i giorni. Chiedi al tuo team di professionisti medici se dovresti prendere una dose bassa di aspirina al giorno per ridurre il rischio di malattie cardiache. Per evitare problemi agli occhi, dovresti vedere il tuo oculista una volta all’anno per fare un esame oculistico completo con pupille dilatate.

Controlla i tuoi piedi ogni giorno per mantenerli in salute.

Assicurati che il tuo medico analizzi il livello di proteine ​​nelle urine ogni anno. Almeno una volta all’anno, il medico deve controllare il livello di creatinina nel sangue e, inoltre, eseguire un esame completo del piede. Vedi pagina 12 per sapere cosa puoi fare ogni giorno per rimanere in salute nonostante abbia il diabete. Consulta le pagine da 13 a 17 per un elenco di altre cose che il tuo medico dovrebbe rivedere per garantire un buon controllo del diabete.

Cosa dovrebbe essere fatto per controllare il diabete?

Il controllo del diabete è uno sforzo di squadra. Lavorerai insieme a un gruppo di professionisti del settore medico, tra cui il medico, l’infermiere specialista in educazione sul diabete, lo specialista dietologo nell’educazione sul diabete e il farmacista, tra gli altri. Sei il membro più importante della squadra.

Prendi il controllo del tuo diabete imparando cosa devi fare per assicurare un buon controllo della malattia.

  • Cosa dovresti fare ogni giorno per controllare il diabete 
  • Cosa deve fare il tuo medico curante ogni volta che lo esaminate 
  • Cosa tu o il tuo medico dovrebbero fare almeno una o due volte l’anno 

Tenere una registrazione giornaliera dei risultati dei test della glicemia. Fai delle copie del diario di bordo per il diabete che si trova alle pagine 20 e 21 di questo opuscolo. Questa informazione ti aiuterà a sapere se stai raggiungendo i livelli di glicemia desiderati.

Se si mantiene un buon controllo della glicemia, del colesterolo e della pressione del sangue il più delle volte, è possibile prevenire o ritardare i problemi causati dal diabete.

Cosa devi fare ogni giorno per controllare il diabete

Segui il piano alimentare salutare che tu e il tuo medico o dietologo avete fatto.

Eseguire l’attività fisica per 30 minuti quasi ogni giorno. Chiedi al tuo medico quali sono le attività migliori per te.

Prendi i farmaci come indicato.

Controlla i tuoi livelli di glicemia ogni giorno. Ogni volta che lo fai, scrivi il risultato sul foglio di registrazione.

Controlla i tuoi piedi ogni giorno per vedere se ci sono tagli, vesciche, piaghe, gonfiore, arrossamento o se le tue unghie sono doloranti.

Lavati i denti e il filo interdentale ogni giorno.

Controlla la pressione sanguigna e il colesterolo.

Non fumare

Cosa dovrebbe fare il medico ogni volta che lo esaminate
La tua glicemia registra

Mostra i risultati al tuo medico.


Dite loro se avete spesso un basso livello di glucosio nel sangue o un alto livello di glucosio nel sangue.

Il tuo peso

Rivolgiti al tuo medico per sapere quanto dovresti pesare.


Parla di come ottenere il peso desiderato in un modo che funzioni per te.

La tua pressione sanguigna

L’obiettivo per la maggior parte delle persone con diabete è inferiore a 140/90.


Chiedi al tuo operatore sanitario come ottenere la pressione sanguigna desiderata.

I tuoi farmaci Parlate con il vostro medico per eventuali problemi con i farmaci per il diabete.
I tuoi piedi Chiedi al tuo medico di controllare se ci sono feriti.
Il tuo programma di attività fisica Parla con il tuo medico per sapere cosa fai per rimanere attivo.
Il tuo programma di pasto Parla di cosa, quanto e quando mangi.
Il tuo umore

Chiedi al tuo operatore sanitario come gestire lo stress.


Se ti senti triste o non riesci a risolvere i tuoi problemi, chiedi come puoi ottenere aiuto.

fumo Se fumi, parla con il tuo medico per sapere come smettere di fumare.
Cosa tu o il tuo medico dovrebbero fare almeno una o due volte l’anno
Test A1C Fai questo esame del sangue almeno due volte all’anno (vedi pagine 4 e 5). Questo test ti dirà qual è il tuo livello medio di glucosio nel sangue negli ultimi 2 o 3 mesi.
Test di laboratorio dei lipidi (grassi) nel sangue

Fai un esame del sangue per determinare i tuoi livelli di:

  • colesterolo totale
  • LDL
  • HDL
  • trigliceridi
I risultati di questi test ti aiuteranno a pianificare come prevenire infarti e ictus.
Test di funzionalità renale Fare un test delle urine una volta all’anno da analizzare per il livello di proteine. Fai un esame del sangue una volta all’anno per misurare la creatinina. I risultati ti diranno quanto bene stanno funzionando i tuoi reni.
Esame degli occhi con pupille dilatate Vedi un oculista una volta all’anno per un esame oculistico completo.
Visita odontoiatrica Vai dal dentista due volte all’anno per farti pulire e controllare i denti.
Esame dei piedi Chiedi al tuo medico di controllare i tuoi piedi per assicurarti che i nervi e la circolazione sanguigna siano a posto.
Vaccino antinfluenzale Dovresti essere vaccinato una volta all’anno contro l’influenza (influenza o influenza).
Vaccino contro la polmonite Indossalo Se hai più di 64 anni e lo indossi da più di 5 anni, chiedi loro di indossarlo di nuovo.

Come utilizzare il foglio di diario per il diabete

Fai delle copie del foglio di registrazione che si trova alle pagine 20 e 21 per registrare i risultati dei test della glicemia, i farmaci e le cose che influiscono sui livelli di glucosio nel sangue. Fai una copia del foglio di registrazione per ogni settimana. Questo record ti aiuterà a determinare se il piano per il diabete funziona. Rivedi questo record con il tuo medico.

Test della glicemia

Rivolgersi al proprio medico per determinare quando misurare la glicemia. Potrebbe essere necessario farlo prima dei pasti, dopo i pasti o prima di coricarsi.

Se necessario, puoi tracciare una linea nelle caselle “Colazione”, “Pranzo” e “Cena” per registrare i risultati dei test della glicemia prima e dopo aver mangiato, secondo questo esempio:

 

farmaci

Sotto, dove si dice “Farmaci”, scrivi il nome dei tuoi farmaci per il diabete e l’importo che prendi da ognuno di essi.

note

Scrivi qui le cose che influenzano i livelli di glucosio nel sangue. Alcuni esempi sono

  • mangiare più o meno del normale
  • dimentica di prendere il farmaco per il diabete
  • esercizio (annotare che tipo e per quanto tempo)
  • essere malato o arrabbiato per qualcosa (sentire lo stress)
  • essere in vacanza o andare a un evento sociale o speciale

ATTENZIONE: Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. 
Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata. Se si hanno dubbi o quesiti sull'uso di un farmaco è necessario contattare il proprio medico.   riferimenti : niddk.nih.gov

Leggi il Disclaimer .
Tratto da    http://www.corpo-e-mente.com