Sanguinamento gastrointestinale

L’emorragia nell’apparato digerente è un sintomo di una malattia, non una malattia in sé. Diverse condizioni possono causare sanguinamento. La maggior parte delle cause di sanguinamento sono associate a condizioni che possono essere curate o controllate, come ulcere ed emorroidi. Alcune cause di sanguinamento possono essere pericolose per la vita.

È importante localizzare il sito e la causa del sanguinamento. Diverse condizioni causano sanguinamento nel tratto digestivo superiore e inferiore. Il tratto digerente superiore comprende l’esofago, lo stomaco e la parte superiore dell’intestino tenue, chiamato anche duodeno. Il tratto digestivo inferiore comprende la parte inferiore dell’intestino tenue; l’intestino crasso, che include il colon e il retto; e l’ano.

Quali sono i segni di sanguinamento nel tratto digestivo?

I segni di sanguinamento nel tratto digestivo dipendono dall’area e dalla gravità dell’emorragia.

Segni di sanguinamento nel tratto digerente superiore includono

  • sangue rosso profondo nel vomito
  • vomitare con aspetto di pozzi di caffè (a fondo di caffè)
  • feci neri o catramosi .
  • sangue scuro mescolato nelle feci
  • Feci mescolate o ricoperte di sangue rosso scuro

Segni di sanguinamento nel tratto digestivo inferiore includono

  • feci di catrami neri (melena)
  • sangue scuro mescolato nelle feci
  • Feci mescolate o ricoperte di sangue rosso scuro

Sanguinamento improvviso e grave è chiamato sanguinamento acuto. Se c’è un’emorragia acuta, i sintomi possono includere

  • debolezza
  • vertigini o svenimento
  • mancanza di respiro
  • crampi addominali
  • diarrea
  • pallore

Una persona con emorragia acuta può entrare in uno stato di shock, che è caratterizzato da un impulso accelerato, bassa pressione sanguigna e difficoltà nella produzione di urina.

È noto come sanguinamento cronico a lieve sanguinamento di lunga durata o sanguinamento che inizia e si arresta. Se il sanguinamento è cronico, la persona può provare affaticamento, letargia e mancanza di respiro nel tempo. La perdita di sangue cronica può anche portare all’anemia, una condizione in cui l’emoglobina, una sostanza ematica ricca di ferro, diminuisce.

Una piccola emorragia nel tratto digestivo può passare inosservata. Questo tipo di sanguinamento è noto come sanguinamento occulto. Ci sono semplici test che rilevano il sangue occulto nelle feci.

Che cosa causa l’emorragia nel tratto digestivo?

Un certo numero di condizioni può causare sanguinamento nel tratto digestivo. Le cause di sanguinamento nel tratto digerente superiore includono quanto segue:

  • Ulcera peptica Le infezioni causate da Helicobacter pylori H. pylori ) e lungo – uso a lungo termine di FANS o di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS per il loro acronimo), come l’aspirina e ibuprofene, sono cause comuni di ulcera peptica.
  • Varici esofagee Le vene o le vene varicose, situate nella parte inferiore dell’esofago, possono esplodere e provocare un’emorragia massiva. La cirrosi è la causa più comune di varici esofagee.
  • Lacrima di Mallory-Weiss. Queste lacrime nel rivestimento dell’esofago si verificano solitamente durante il vomito. Una maggiore pressione nell’addome quando si tossisce, un’ernia iatale o un parto possono anche causare lacrime.
  • Gastrite. FANS e altri farmaci, infezioni, morbo di Crohn, malattie e lesioni possono causare infiammazione gastrica e ulcere nel rivestimento dello stomaco.
  • Esofagite. La causa più comune di esofagite – infiammazione e ulcere nel rivestimento dell’esofago – è la malattia da reflusso gastroesofageo (GERD). Quando vi è un reflusso gastroesofageo, i muscoli tra l’esofago e lo stomaco non si chiudono correttamente, consentendo al cibo e ai succhi gastrici di ritornare nell’esofago.
  • Tumori benigni e cancro. Un tumore benigno è una crescita anormale di tessuto che non è canceroso. Tumori benigni e cancro dell’esofago, dello stomaco e del duodeno possono causare emorragie.

Le cause di emorragia nel tratto digerente inferiore includono quanto segue:

  • Malattia diverticolare Questa malattia è causata da diverticoli, sacche che si formano nella parete del colon.
  • Colite. Le cause della colite – un’infiammazione del colon – possono essere infezioni, malattie come il morbo di Crohn, mancanza di flusso sanguigno al colon e radiazioni.
  • Emorroidi o ragadi. Le emorroidi sono vene allargate nell’ano o nel retto che possono causare rotture e sanguinamento. Le fessure, o ulcere, sono tagliate o strappate nell’area anale.
  • Angiodisplasia. L’invecchiamento causa angiodisplasia-anormalità nei vasi sanguigni dell’intestino.
  • Polipi o cancro Crescite o polipi benigni nel colon sono comuni e possono causare il cancro. Il cancro colorettale è la terza causa più comune di cancro negli Stati Uniti e di solito produce sanguinamento occulto.

Come viene diagnosticata un’emorragia nel tratto digestivo?

Il primo passo per diagnosticare il sanguinamento nel tratto digerente è localizzare il sito di sanguinamento. Il medico prenderà nota della storia medica completa del paziente ed eseguirà un esame fisico. Sintomi come cambiamenti nelle abitudini intestinali, feci nere o rosse e dolore o tenerezza nell’addome possono dire al medico quale zona del tubo digerente sta sanguinando.

Il medico potrebbe aver bisogno di fare un test per rilevare il sangue nelle feci. Supplementi con ferro, subsalicilato di bismuto (Pepto-Bismol) o alcuni alimenti come le barbabietole possono dare alle feci lo stesso aspetto del sanguinamento dal tratto digestivo. I test per rilevare il sangue nelle feci identificano anche il sangue che non è visibile al paziente.

Un esame del sangue può aiutare a determinare la gravità del sanguinamento e se il paziente è anemico.

Il lavaggio nasogastrico è una procedura che può essere utilizzata per determinare se il sanguinamento proviene dal tratto digestivo superiore o inferiore. Con il lavaggio nasogastrico, un tubo viene inserito attraverso il naso e nello stomaco. I contenuti di stomaco sono rimossi attraverso il tubo. Se lo stomaco contiene la bile e non c’è sangue, il sanguinamento si è fermato o è probabilmente localizzato nel tratto digestivo inferiore.

endoscopicamente

L’endoscopia è il metodo più comune per scoprire la causa del sanguinamento nel tratto digestivo. Un endoscopio è un tubo flessibile con una piccola telecamera alla sua estremità. Il medico inserisce l’endoscopio attraverso la bocca del paziente per esaminare l’esofago, lo stomaco e il duodeno. Questa esplorazione è nota come endoscopia gastrointestinale superiore (EGD). L’endoscopio può anche essere inserito attraverso il retto per osservare il colon. Questa procedura è chiamata colonscopia. Il medico può utilizzare l’endoscopio per effettuare una biopsia, che richiede la rimozione di un piccolo campione di tessuto da esaminare al microscopio.

Il sanguinamento che non può essere rilevato con l’endoscopia è chiamato emorragia occulta (non visibile). Il medico può ripetere l’endoscopia o utilizzare altre procedure per trovare la causa dell’emorragia nascosta.

enteroscopia

L’enteroscopia è un’esplorazione dell’intestino tenue. Poiché gli endoscopi tradizionali non possono raggiungere l’intestino tenue, per l’enteroscopia vengono utilizzati endoscopi speciali.

Le procedure di enteroscopia includono

  • Enteroscopia a impulsi . Un lungo endoscopio viene utilizzato per esaminare la porzione superiore dell’intestino tenue.
  • Enteroscopia a doppio palloncino. I palloncini sono posizionati sull’endoscopio per aiutare l’endoscopio a muoversi lungo l’intestino tenue.
  • Capsula endoscopica Il paziente ingoia una capsula contenente una piccola videocamera. Mentre la fotocamera passa attraverso il tratto digestivo, trasmette le immagini a un monitor video. Questa procedura è stata progettata per esaminare l’intestino tenue, ma consente anche al medico di esaminare il resto del tratto digestivo.

Altre procedure

Esistono diversi test che possono aiutare a localizzare il sito di sanguinamento:

  • Raggi X con bario. Il bario è un materiale di contrasto che consente di visualizzare il tratto digestivo su una radiografia. Per fare questo, bere un liquido contenente bario o introdurre il bario attraverso il retto. I raggi X del bario sono meno accurati rispetto all’endoscopia e possono interferire con altri test diagnostici.
  • Gammagrafia con radionuclidi. Il medico inietta piccole quantità di materiale radioattivo nella vena del paziente. Una macchina fotografica speciale, simile a una macchina a raggi X, può rilevare questa radiazione e creare immagini del flusso sanguigno nel tratto digestivo. La scintigrafia con radionuclidi è così sensibile che rileva un sanguinamento molto lento, ma non è preciso come le altre procedure.
  • Angiogramma. Una tintura viene iniettata nella vena di una persona per rendere visibili i vasi sanguigni sulle scansioni a raggi X o TC (scansioni CT). La tintura lascia i vasi sanguigni nell’area di sanguinamento. In alcuni casi, il medico può utilizzare l’angiografia per iniettare farmaci o altri materiali nei vasi sanguigni per cercare di fermare l’emorragia.
  • Laparotomia esplorativa. Se altri test non riescono a localizzare il sito di sanguinamento, può essere necessaria una procedura chirurgica per esaminare il tratto digestivo.

Qual è il trattamento per il sanguinamento nel tratto digestivo?

L’endoscopia può essere utilizzata per fermare il sanguinamento nel tratto digestivo. Un medico può inserire strumenti attraverso l’endoscopio a

  • iniettare sostanze chimiche nel sito dell’emorragia
  • trattare il sito dell’emorragia e il tessuto circostante con una sonda termica, corrente elettrica o laser
  • chiudere i vasi sanguigni colpiti con una fascia elastica o un morsetto

L’endoscopia non controlla sempre il sanguinamento. L’angiografia può essere utilizzata per iniettare farmaci o altri materiali nei vasi sanguigni per controllare alcuni tipi di sanguinamento. Se l’endoscopia e l’angiografia non funzionano, il paziente potrebbe aver bisogno di altri trattamenti o interventi chirurgici per fermare l’emorragia.

Per prevenire il sanguinamento in futuro, i medici possono trattare condizioni che causano sanguinamento, come ad esempio

  • H. pylori e altre infezioni
  • GERD
  • ulcere
  • emorroidi
  • polipi
  • malattie infiammatorie intestinali

Punti da ricordare

  • L’emorragia nell’apparato digerente è un sintomo di una malattia, non una malattia stessa.
  • Diverse condizioni possono causare sanguinamento nel tratto digestivo.
  • È importante localizzare il sito e la causa del sanguinamento.
  • La maggior parte delle cause di sanguinamento può essere curata o controllata.
  • L’endoscopia è lo strumento più comune per diagnosticare e trattare il sanguinamento nel tratto digestivo.