Ictus cerebrale ischemico o emorragico | corpo e mente

Che cos’è un attacco o un ictus?

Un ictus è un’emergenza medica. Gli ictus si verificano quando il flusso di sangue al cervello si arresta. In pochi minuti, le cellule cerebrali iniziano a morire. Esistono due tipi di tratti. Il tipo più comune, chiamato ictus ischemico , è causato da un coagulo di sangue che blocca o ostruisce un vaso sanguigno nel cervello. L’altro tipo, chiamato ictus emorragico , è causato dalla rottura di un vaso sanguigno che sanguina nel cervello. “Mini-ictus” o attacchi ischemici transitori si verificano quando l’afflusso di sangue al cervello viene interrotto brevemente.

I sintomi di un ictus sono:

  • Intorpidimento improvviso o debolezza del viso, delle braccia o delle gambe (specialmente su un lato del corpo)
  • Confusione improvvisa, difficoltà a parlare o capire
  • Problemi improvvisi da vedere con uno o entrambi gli occhi
  • Difficoltà improvvise, vertigini, perdita di equilibrio o coordinazione dei movimenti
  • Mal di testa improvviso e grave senza causa nota

Se ha qualcuno di questi sintomi, deve andare rapidamente in ospedale per iniziare il trattamento. La terapia acuta per ictus cerca di fermare l’effusione sciogliendo il coagulo o controllando l’emorragia. La riabilitazione post-ictus aiuta le persone a superare disabilità causate dalla fuoriuscita. La terapia medica con anticoagulanti e antipiastrinici è il trattamento più comune per l’ictus.

Colpo: informazioni sullo stato

C’è un ictus quando un’ostruzione in un’arteria o un vaso sanguigno impedisce al sangue di raggiungere una parte del cervello o quando un’arteria o un vaso sanguigno si rompe e versa sangue nel cervello. Il sangue trasporta l’ossigeno e le sostanze nutritive di cui il cervello ha bisogno per funzionare correttamente. Quando una parte del cervello non ottiene il sangue di cui ha bisogno, subisce danni o muore. L’improvviso “allagamento” del cervello con il sangue può anche danneggiare o causare la morte delle cellule cerebrali (neuroni).

Esistono due tipi di tratti:

  • Ictus ischemico. 
    Siamo di fronte a un ictus ischemico quando un’arteria che porta il sangue al cervello si blocca e non può fornire abbastanza sangue. In generale, l’ostruzione è causata da un coagulo di sangue. A volte, il blocco si verifica quando un’arteria diventa troppo stretta per far passare abbastanza sangue. Questo restringimento è chiamato stenosi. La stenosi è il risultato dell’accumulo di placca, una miscela di sostanze grasse, compreso il colesterolo, che si forma sulle pareti interne dell’arteria.
  • Ictus emorragico. 
    Siamo di fronte a un ictus emorragico quando un’arteria si rompe e versa il sangue in una parte del cervello. In un cervello sano, il sangue rimane nelle arterie e non ha alcun contatto con i neuroni. Quando il sangue sta esplodendo nel cervello durante un ictus emorragico, il normale flusso di sangue al cervello viene interrotto e il sangue interferisce con il normale equilibrio chimico necessario ai neuroni per funzionare.

Attacco ischemico transitorio

A volte chiamato mini-ictus, l’attacco ischemico transitorio (AIT) ha gli stessi sintomi iniziali di un ictus completo ma non progredisce o causa lo stesso danno di un ictus completo. Un AIT è un avvertimento che una persona è a rischio di avere un ictus più grave in futuro .

Quali sono i sintomi di un ictus?

I sintomi di un ictus appaiono all’improvviso e includono:

  • Intorpidimento o debolezza del viso, del braccio o della gamba, di solito su un solo lato del corpo.
  • Confusione, incoerenza quando si parla o difficoltà a capire ciò che dicono gli altri.
  • Capogiri, difficoltà a camminare, perdita di equilibrio o coordinazione.
  • Difficoltà a vedere con uno o entrambi gli occhi.
  • Mal di testa grave e improvviso senza causa apparente

Se pensi che tu o qualcuno che conosci abbia qualcuno di questi sintomi, non aspettare. Chiamare immediatamente 118 . Una persona che soffre di un ictus deve ricevere il farmaco in ospedale il prima possibile per prevenire o ridurre al minimo il danno cerebrale.

I sintomi di un attacco ischemico transitorio (AIT) sono simili a quelli di un ictus più grave, ma a differenza di un ictus grave, la AIT di solito dura solo pochi minuti e scompare in circa un’ora. . Tuttavia, è impossibile distinguere i sintomi di un AIT da quelli di un ictus più grave. Non dovresti aspettare per vedere se i sintomi scompaiono. Supponiamo che tutti i sintomi di un ictus indicano un’emergenza.

Quante persone hanno o sono a rischio di avere un ictus?

OLTRE 17 milioni di persone nel mondo – 200mila solo in Italia – Negli Stati Uniti, ogni anno circa 795.000 persone hanno ictus, di cui 137.000 muoiono. Circa 610.000 di questi casi sono ictus primari; A sua volta, 185.000 persone che sopravvivono ad un ictus avranno un altro ictus entro un periodo di 5 anni.

Gli ictus ischemici rappresentano l’87% di tutti gli ictus. Le ictus emorragici rappresentano il restante 13%.

L’ictus è una delle principali cause di disabilità e morte nel Mondo. Persone di tutte le età e tutti gli sfondi possono avere un ictus. Tuttavia, alcuni fattori demografici rendono alcune persone più a rischio di subire un ictus o di morire. Questi includono:

  • Razza / etnia Gli afro-americani hanno quasi il doppio del rischio che i bianchi abbiano un primo ictus. Gli americani di origine ispanica e gli indiani d’America / nativi dell’Alaska sono più a rischio di avere un ictus rispetto ai bianchi, ma meno degli afroamericani. Gli afroamericani e gli ispanici sono più propensi dei bianchi a morire dopo un ictus.
  • Età. Il rischio di avere un ictus aumenta con l’età. Tre quarti degli ictus si verificano nelle persone di età pari o superiore a 65 anni.
  • Posizione geografica , i tassi di mortalità per ictus più alti sono registrati nell’area sudorientale.
  • Sesso. Gli uomini hanno più probabilità delle donne di avere ictus.

Alcuni fattori legati allo stile di vita e ad alcune malattie aumentano anche il rischio di avere un ictus. I principali fattori di rischio sono:

  • Ipertensione arteriosa
  • diabete
  • Malattie cardiache (come la fibrillazione atriale)
  • Ictus o precedente attacco ischemico transitorio
  • Consumo di sigarette

Altri fattori di rischio aggiuntivi sono:

  • Mancanza di attività fisica
  • Sovrappeso o obesità
  • Colesterolo alto
  • Anemia falciforme
  • Eccessivo consumo di alcol
  • Storia familiare di ictus
  • Abuso di droghe
  • Problemi genetici come i disturbi vascolari o di coagulazione del sangue, come il fattore V Leiden o l’arteriopatia cerebrale autosomica dominante con infarto sottocorticale e leucoencefalopatia (CADASIL)
  • Alcuni farmaci (come pillole anticoncezionali ormonali)
  • gravidanza
  • menopausa

Alcuni fattori di rischio minori includono:

  • Lesioni alla testa e al collo
  • Recenti infezioni batteriche o virali

C’è un’amplificazione del rischio quando una persona ha più di uno dei fattori di rischio sopra menzionati. Ciò significa che il rischio combinato di due o più fattori di rischio è maggiore rispetto alla semplice somma dei suoi effetti

Cosa causa un ictus?

Ictus ischemico

L’ictus ischemico è dovuto ad un’ostruzione in un’arteria che porta il sangue al cervello. L’arteria ostruita interrompe l’afflusso di sangue a una parte del cervello. In generale, l’ostruzione è causata da un coagulo di sangue. A volte, il blocco si verifica quando un’arteria diventa troppo stretta per far passare abbastanza sangue. Questo restringimento è chiamato stenosiStenosi è causato dalla formazione di coaguli di sangue e placca-una miscela di sostanze grasse, compresi colesterolo sulle pareti interne dell’arteria.

I problemi di coagulazione del sangue sono più frequenti man mano che le persone invecchiano. Alcuni farmaci, come le pillole contraccettive ormonali, possono anche aumentare il rischio di coaguli di sangue. La stenosi è solitamente causata da una malattia dei vasi sanguigni chiamata arteriosclerosi. Nella placca arteriosclerotica si accumula sulle pareti interne delle arterie. Questo fa sì che le pareti delle arterie diventino spesse, dure e meno flessibili, il che diminuisce il flusso sanguigno. La presenza di placca provoca anche la formazione di coaguli di sangue. Mangiare cibi ricchi di grassi saturi e colesterolo può rendere la quantità di colesterolo nel corpo troppo alta. Avere un colesterolo alto può causare questo accumulo di placca nelle pareti delle arterie.

Ictus emorragico

L’ictus emorragico è causato dalla rottura di un’arteria che sparge sangue su parte del cervello. In un cervello sano, il sangue rimane nelle arterie e non ha alcun contatto con i neuroni. Quando il sangue sta esplodendo nel cervello durante un ictus emorragico, il normale flusso di sangue al cervello viene interrotto e il sangue interferisce con il normale equilibrio chimico necessario ai neuroni per funzionare.

L’ipertensione arteriosa può indebolire le pareti arteriose e renderle più soggette a rottura o scoppio. I problemi di coagulazione del sangue possono anche aumentare il rischio di sanguinamento in un ictus emorragico. Questi problemi possono essere causati da disturbi del sangue o farmaci che riducono la coagulazione. Un’altra causa di ictus emorragico sono anomalie nella struttura dei vasi sanguigni che si formano durante lo sviluppo del cervello.

Quali sono alcuni risultati comuni di ictus e alcuni trattamenti comuni per questi risultati?

Il recupero da un ictus può richiedere mesi o anni. Molte persone che hanno avuto un ictus non si riprendono mai completamente. Una persona che ha avuto un ictus potrebbe avere i seguenti sintomi temporaneamente o permanentemente:

  • Incapacità di muovere un lato del corpo
  • Debolezza su un lato del corpo
  • Problemi con il ragionamento, la percezione, l’attenzione, l’apprendimento, il giudizio e la memoria
  • Problemi di comprensione o articolazione del parlato
  • Problemi nel controllo o nell’espressione delle emozioni
  • Intorpidimento o strane sensazioni
  • Dolore alle mani e ai piedi che peggiora con il movimento e i cambiamenti di temperatura
  • depressione

Tipi di trattamento per ictus

Il trattamento per un ictus comprende:

  • Trattamento di emergenza
  • Prevenzione di un altro colpo
  • reinserimento

Trattamento di emergenza

Quando una persona riesce a raggiungere l’ospedale nelle prime ore dopo un ictus, i medici tratteranno il CVA con farmaci, interventi chirurgici o entrambi, a seconda del tipo di CVA in questione.

Farmaci per un ictus ischemico

  • Agenti trombolitici Questi farmaci sono usati per trattare un ictus ischemico in corso causato da un’ostruzione di un’arteria. Riescono a fermare l’ACV sciogliendo il coagulo di sangue che ha bloccato il flusso di sangue al cervello.
  • Fluidificanti del sangue. Questi farmaci comprendono farmaci antipiastrinici e anticoagulanti che prevengono la formazione di coaguli di sangue che causano un ictus ischemico.

chirurgia

Nel caso di un ictus ischemico, un chirurgo può sbloccare l’arteria ostruita per consentire al sangue di raggiungere nuovamente la parte interessata del cervello. La chirurgia può anche riparare anomalie strutturali nelle arterie nel caso di un ictus emorragico.

Prevenzione di un altro colpo

Un paziente che ha avuto un ictus può continuare a prendere anticoagulanti per prevenire un altro ictus. La chirurgia eseguita per trattare un ictus può anche aiutare a prevenire un altro. I medici raccomandano anche ai sopravvissuti di un ictus di fare cambiamenti nello stile di vita, come mangiare una dieta sana, fare esercizio fisico e curare le malattie correlate.

reinserimento

Nel Mondo, gli ictus sono una delle principali cause di grave disabilità negli adulti. Esistono diversi tipi di terapie che possono aiutare i sopravvissuti di un ictus a recuperare tutte o parte delle funzioni danneggiate dall’ictus. Queste terapie includono:

  • Fisioterapia. Un fisioterapista usa allenamenti ed esercizi per aiutare il paziente a riacquistare le attività fisiche come camminare, stare seduti, in piedi e sdraiati. Un particolare tipo di fisioterapia chiamata terapia di induzione di restrizione (CIMT) può migliorare l’uso di un braccio indebolito o paralizzato. L’IACML comprende allenamenti ed esercizi per il braccio interessato, limitando il movimento del braccio sano con un guanto speciale.
  • La terapia occupazionale .La terapia occupazionale include esercizi e formazione per aiutare il paziente a imparare di nuovo le attività quotidiane come mangiare, bere, vestirsi, fare il bagno, cucinare, leggere, scrivere e andare in bagno.
  • Logopedia .La logopedia aiuta i pazienti a imparare di nuovo la lingua, parlare e deglutire.
  • La terapia psicologica .I sopravvissuti ad un ictus possono avere depressione, ansia, rabbia e frustrazione. La terapia conversazionale, i farmaci o entrambi possono trattare questi sintomi.

Si può prevenire un ictus?

Fare scelte sane e controllare le malattie può ridurre il rischio di ictus. Questo include:

  • Mangiare una dieta sana, tra cui un sacco di frutta e verdura e cibi a basso contenuto di grassi, colesterolo e sodio
  • Mantenere un peso sano
  • Esegui attività fisica
  • Non fumare
  • Limitare il consumo di alcol
  • Controllare il colesterolo
  • Controllare la pressione sanguigna
  • Controlla il diabete
  • Assumere farmaci per il trattamento di colesterolo alto, pressione alta o diabete
  • Parla regolarmente con il medico su come prevenire o curare le malattie che possono causare un infarto o aumentare il rischio di avere un ictus

ATTENZIONE: Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. 
Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata. Se si hanno dubbi o quesiti sull'uso di un farmaco è necessario contattare il proprio medico.   riferimenti : niddk.nih.gov

Leggi il Disclaimer .
Tratto da    http://www.corpo-e-mente.com