Definizione e fatti

Cos’è la celiachia?

La celiachia è una malattia digestiva che provoca danni all’intestino tenue. La malattia è causata dal consumo di alimenti che contengono glutine: una proteina presente naturalmente nel frumento, nell’orzo e nella segale; ed è comune in alimenti come pane, pasta, biscotti e torte. Molti alimenti confezionati, balsami per labbra e labbre, capelli e prodotti per la pelle, dentifrici, integratori alimentari e vitamine e, meno comunemente, alcuni farmaci, contengono glutine.

La celiachia può essere molto seria; Può causare problemi digestivi di lunga durata e impedire all’organismo di assumere tutti i nutrienti di cui ha bisogno. Può colpire anche altre parti del corpo oltre all’intestino.

La celiachia è diversa dalla sensibilità al glutine o intolleranza al grano. Se hai sensibilità al glutine, potresti avere sintomi simili a quelli della celiachia, come dolore addominale e affaticamento. A differenza della celiachia, la sensibilità al glutine non causa danni all’intestino tenue.

La celiachia è causata dal consumo di alimenti che contengono glutine.
La celiachia deve anche essere differenziata dall’allergia al grano. In entrambi i casi, il sistema immunitario del tuo corpo reagisce al grano, tuttavia, alcuni dei sintomi di allergia al grano, come prurito agli occhi o difficoltà di respirazione, sono diversi da quelli della celiachia. Anche le allergie al grano non causano danni a lungo termine all’intestino tenue.

Quanto è comune la celiachia?

Uno su 141 ha la malattia celiaca, anche se la maggior parte non lo sa.

Chi ha maggiori probabilità di sviluppare la celiachia?

Sebbene la celiachia colpisca bambini e adulti in tutte le parti del mondo, la malattia è più comune nelle persone caucasiche e viene diagnosticata più spesso nelle donne. È più probabile che tu sviluppi la celiachia se qualcuno nella tua famiglia ha la malattia. La celiachia è anche più comune tra le persone con altre malattie, come la sindrome di Down , Sindrome di Turner e diabete di tipo 1 .

Quali altri problemi di salute hanno le persone con malattia celiaca?

Se hai la celiachia puoi anche correre il rischio di avere:

  • La malattia di Addison
  • La malattia di Hashimoto
  • cirrosi biliare primitiva
  • diabete di tipo 1

Quali sono le complicazioni della celiachia?

Le complicanze a lungo termine della celiachia includono:

  • malnutrizione: un disturbo in cui non si assumono abbastanza vitamine, minerali e altri nutrienti di cui abbiamo bisogno per essere sani
  • Osteoporosi accelerata o rammollimento delle ossa, nota come osteomalacia
  • Problemi di sistema nervoso
  • problemi legati alla riproduzione

Tra le complicazioni meno comuni potrebbe essere:

  • cancro intestinale
  • malattie del fegato
  • linfoma: un tumore di una parte del sistema immunitario chiamato sistema linfatico che include l’intestino

In rari casi, le difficoltà di assorbimento dei nutrienti possono persistere nonostante abbia seguito una dieta rigorosamente priva di glutine . Nel caso abbiate questo disturbo, chiamato celiachia refrattaria, le vostre viscere sono gravemente danneggiate e non possono essere curate. Probabilmente avete bisogno di ricevere i nutrienti per via endovenosa (IV).

 

Sintomi e cause

Quali sono i sintomi della celiachia?

La maggior parte delle persone con malattia celiaca presenta uno o più sintomi; tuttavia, alcuni non presentano sintomi o sentono disagio. A volte, alcuni problemi di salute come la chirurgia, la gravidanza, il parto, la gastroenterite batterica , un’infezione virale o uno stress mentale grave possono scatenare i sintomi della celiachia.

Se hai la celiachia, potresti avere problemi digestivi o altri sintomi. I sintomi digestivi sono più comuni nei bambini e possono includere:

  • gonfiore o sensazione di pienezza o infiammazione nell’addome
  • diarrea cronica
  • costipazione
  • gas
  • malattia
  • feci grasse, con un cattivo odore, che galleggiano
  • mal di stomaco
  • vomito

Per i bambini celiaci, l’incapacità di assorbire i nutrienti in un momento così importante per la crescita e lo sviluppo normale può causare:

  • danno allo smalto dei denti permanenti
  • pubertà tardiva
  • ritardo dello sviluppo nei bambini
  • sbalzi d’umore o sensazione di disagio o irrequietezza
  • ritardo della crescita e bassa statura
  • perdita di peso
La celiachia nei bambini può portare alla perdita di peso.

Gli adulti hanno meno probabilità di avere sintomi digestivi e possono avere uno o più dei seguenti:

  • anemia
  • avere una lingua rossa brillante
  • dolore alle ossa o alle articolazioni
  • depressione o ansia
  • dermatite erpetiforme
  • mal di testa
  • Infertilità o aborti ripetuti
  • assenza di periodi mestruali
  • problemi alla bocca come afte o afte
  • crisi epilettiche
  • Formicolio o intorpidimento delle mani e dei piedi
  • stanchezza
  • ossa fragili e fragili

Gli adulti con celiachia che hanno sintomi digestivi possono avere:

  • distensione e dolore addominale
  • ostruzione intestinale
  • Affaticamento per lunghi periodi
  • ulcere o piaghe nello stomaco o nella mucosa intestinale

La celiachia può anche produrre una reazione in cui il sistema immunitario, o il sistema di difesa naturale del corpo, attacca le cellule sane del corpo. Questa reazione può diffondersi dal tratto intestinale ad altre aree del corpo, tra cui:

  • ossatura
  • articolazioni
  • sistema nervoso
  • pelle
  • milza

A seconda dell’età in cui viene diagnosticata la malattia celiaca, alcuni sintomi quali bassa statura e difetti dei denti non miglioreranno.

Dermatite erpetiforme

La dermatite erpetiforme è un’eruzione cutanea che provoca vesciche e prurito e di solito si manifesta sui gomiti, sulle ginocchia, sulle natiche, sulla schiena o sul cuoio capelluto. L’eruzione colpisce circa il 10% delle persone celiache e può colpire persone di tutte le età, ma è più probabile che compaia per la prima volta tra i 30 ei 40 anni. Gli uomini che hanno l’eruzione possono anche avere piaghe orali o, raramente, genitali. Alcune persone celiache possono avere l’eruzione cutanea ma non altri sintomi.

Perché i sintomi della malattia celiaca sono così vari?

I sintomi della celiachia variano in ogni persona. I tuoi sintomi possono dipendere da:

  • Per quanto tempo lo hanno allattato quando era piccolo? Alcuni studi hanno dimostrato che più a lungo sei allattato al seno, più a lungo compaiono i sintomi della celiachia
  • la quantità di glutine che consumi
  • l’età che ho avuto quando è iniziato il consumo di glutine
  • la quantità di danni nell’intestino tenue
  • Età: i sintomi possono variare tra i bambini e gli adulti

Le persone celiache che non hanno sintomi possono anche sviluppare complicazioni della malattia nel tempo se non ricevono un trattamento.

Che cosa causa la celiachia?

La ricerca suggerisce che la celiachia colpisce solo le persone con particolari geni. Questi geni sono comuni e circa un terzo della popolazione ce l’ha. Perché il disturbo si manifesti, la persona deve mangiare cibi che contengono glutine. I ricercatori non sanno esattamente cosa scateni la celiachia nelle persone a rischio che mangiano glutine per un lungo periodo. A volte la malattia è ereditaria: anche il 10-20% dei parenti stretti di persone celiache ne è affetto.

Le tue possibilità di sviluppare la celiachia aumentano quando ci sono cambiamenti o varianti nei geni. Alcune varianti genetiche e altri fattori, come l’ambiente, possono portare alla celiachia.

Diagnosi

Come viene diagnosticata la celiachia?

La celiachia può essere difficile da diagnosticare perché alcuni dei suoi sintomi sono simili ai sintomi di altre malattie come la sindrome dell’intestino irritabile (IBS) e l’intolleranza al lattosio . Il medico può diagnosticare la celiachia attraverso una storia medica, una storia familiare, un esame fisico e test come esami del sangue, test genetici e biopsia.

Storia clinica e storia familiare

Il tuo medico ti chiederà informazioni sulla salute della tua famiglia, in particolare se qualcuno nella tua famiglia ha una storia di celiachia.

 

 

 

 

 

Esame fisico

Durante un esame fisico, il medico di solito:

  • controlla l’eruzione cutanea o la malnutrizione – una condizione che si verifica quando non si ricevono abbastanza vitamine, minerali e altri nutrienti necessari per essere sani
  • Ascolta i suoni nell’addome usando uno stetoscopio
  • sentire l’addome per determinare se c’è dolore, pienezza o gonfiore

Visita odontoiatrica

Per alcune persone, una visita dal dentista potrebbe essere il primo passo verso la scoperta della malattia celiaca. Difetti di smalto dei denti, come il bianco, giallo o marrone, sono un problema molto comune nelle persone con malattia celiaca, specialmente nei bambini. Questi difetti possono aiutare i dentisti e altri operatori sanitari a identificare la malattia celiaca.

Quali test usano i medici per diagnosticare la celiachia?

Esame del sangue

Un professionista sanitario preleva un campione di sangue e lo invia a un laboratorio per eseguire il test anticorpale comune nella malattia celiaca. Se i risultati dell’esame del sangue sono negativi e il medico continua a sospettare la presenza di celiachia, è probabile che chieda ulteriori esami del sangue.

Test genetici

Se una biopsia e altri esami del sangue non confermano chiaramente la celiachia, il medico può ordinare esami del sangue per verificare la presenza di alcuni cambiamenti o varianti genetiche.  È molto improbabile che tu abbia la celiachia se queste varianti genetiche non sono presenti. Tuttavia, avere queste varianti non è sufficiente per diagnosticare la celiachia, dal momento che sono comuni anche nelle persone senza la malattia. Infatti, la maggior parte delle persone con questi geni non soffrirà mai di celiachia.

Biopsia intestinale

Se le analisi del sangue suggeriscono di avere la celiachia, il medico eseguirà una biopsia per essere sicuro. Durante una biopsia, il medico rimuove un piccolo pezzo di tessuto dall’intestino tenue durante una procedura chiamata endoscopia del tratto gastrointestinale superiore .

Biopsia della pelle

Se un medico sospetta di avere una dermatite erpetiforme, eseguirai una biopsia cutanea. Per questo, il medico rimuove piccoli pezzi di tessuto dalla pelle da esaminare al microscopio.

Il medico esamina il tessuto cutaneo per gli anticorpi comuni nella malattia celiaca. Se il tessuto cutaneo ha gli anticorpi, il medico eseguirà esami del sangue per confermare la celiachia. Se la biopsia cutanea e gli esami del sangue suggeriscono la presenza di celiachia, potrebbe non essere necessario una biopsia intestinale.

I medici fanno screening per la celiachia?

Lo screening consiste nel condurre test di malattia quando non si hanno sintomi. I medici negli di solito non controllano la celiachia. Tuttavia, i parenti di persone di sangue affette da celiachia e le persone con diabete di tipo 1 devono parlare con il loro medico circa le vostre probabilità di contrarre la malattia.

Molti ricercatori raccomandano uno screening di routine per la celiachia a tutti i membri della famiglia, come genitori e fratelli.  Tuttavia, test di screening genetico  I test di routine non sono solitamente utili nella diagnosi della malattia celiaca.

Trattamento

In che modo i medici trattano la celiachia?

Dieta priva di glutine

I medici curano la celiachia con una dieta priva di glutine . Il glutine è una proteina presente naturalmente nel frumento, nell’orzo e nella segale che innesca una reazione in caso di celiachia. I sintomi migliorano notevolmente nella maggior parte delle persone con celiachia che mantengono una dieta priva di glutine. Negli ultimi anni, supermercati e ristoranti hanno iniziato a offrire molti più alimenti e prodotti senza glutine, rendendo più facile mantenere quella dieta.

Il medico può indirizzarti a un nutrizionista specializzato nel trattamento di persone celiache. Il nutrizionista ti insegnerà come evitare il glutine seguendo una dieta sana e ti aiuterà:

  • rivedere il contenuto di glutine sulle etichette del cibo e dei prodotti
  • progettare menu giornalieri
  • fare scelte salutari sui tipi di alimenti che consumerai
Un nutrizionista può aiutarti a scegliere cibi sani.

Per la maggior parte delle persone, seguire una dieta priva di glutine può recuperare il danno arrecato all’intestino tenue e prevenire ulteriori danni. Potresti vedere che i sintomi migliorano entro pochi giorni o settimane dall’inizio della dieta. Nei bambini, l’intestino tenue di solito recupera tra 3 e 6 mesi, mentre negli adulti il recupero totale può richiedere diversi anni. Una volta che l’intestino guarisce, i villi danneggiati dalla malattia ricrescono e assorbono normalmente i nutrienti dal cibo nel sangue.

Dieta priva di glutine e dermatite erpetiforme

Se avete la dermatite erpetiforme eruzioni-pelle che provoca prurito vesciche e sintomi di solito regrediscono a una dieta priva di glutine. Tuttavia, i sintomi della pelle possono tornare se si reintegri il glutine nella dieta. Farmaci come il dapsone, assunto per via orale, possono controllare i sintomi della pelle. Le persone che assumono dapsone devono sottoporsi regolarmente a esami del sangue per determinare se gli effetti collaterali sono derivati dal medicinale.

Dapsone non attacca i sintomi o il danno intestinale, quindi, se hai l’eruzione cutanea, devi seguire una dieta priva di glutine. Anche quando viene seguita una dieta priva di glutine, l’eruzione può durare mesi o addirittura anni per guarire completamente e talvolta ricompare dopo alcuni anni.

Evitare farmaci e prodotti non alimentari che potrebbero contenere glutine

Oltre a stabilire una dieta priva di glutine, il medico vorrà che tu eviti tutte le fonti nascoste di glutine. Se hai la celiachia, chiedi al farmacista gli ingredienti in:

  • integratori a base di erbe e nutrizionali
  • medicinali con e senza prescrizione medica
  • integratori vitaminici e minerali

Potresti anche avere o trasferire dalle tue mani alla bocca altri prodotti che contengono glutine senza saperlo. Tra i prodotti che possono contenere glutine sono:

  • pasta per modellare, come la plastilina
  • cosmetici
  • rossetto, lip gloss e balsamo per le labbra
  • prodotti per pelle e capelli
  • dentifricio e collutorio
I prodotti per pelle e capelli possono contenere glutine.

Raramente, i farmaci sono una fonte di glutine. Anche se il glutine è presente in un farmaco, è probabile che sia in quantità così ridotte da non causare alcun sintomo.

Leggere le etichette dei prodotti a volte può aiutarti a evitare il glutine. Alcuni produttori di prodotti etichettano i loro prodotti come senza glutine. Se un’etichetta di prodotto non specifica i suoi ingredienti, chiedere al produttore del prodotto per un elenco dei suoi ingredienti.

Cosa succede se il passaggio a una dieta priva di glutine non funziona?

Se non si migliora dopo aver iniziato una dieta priva di glutine, si può ancora mangiare o usare piccole quantità di glutine. È probabile iniziare a rispondere alla dieta priva di glutine una volta trovato ed eliminato tutte le fonti nascoste di glutine. Tra le fonti nascoste di glutine ci sono gli additivi  a base di grano, come ad esempio:

  • amido modificato
  • Aroma di malto
  • conservanti
  • stabilizzanti

Se i sintomi persistono anche dopo aver cambiato la dieta, probabilmente hai altre condizioni o disturbi che sono più comuni oltre alla celiachia, come la sindrome dell’intestino irritabile(IBS), l’intolleranza al lattosio , la colite microscopica, la disfunzione del pancreas e proliferazione batterica intestinale.

 

Cibo, dieta e nutrizione

Cosa dovrei evitare di mangiare se ho la celiachia?

Evitare cibi con glutine (una proteina presente naturalmente nel grano, segale e orzo) è essenziale nel trattamento della malattia celiaca. Rimuovendo il glutine dalla vostra dieta migliora i sintomi, allevia il danno al piccolo intestino e previene ulteriori danni nel tempo. Mentre è vero che dovrai evitare certi cibi, la buona notizia è che sono disponibili molti alimenti sani e prodotti senza glutine.

Evitare cibi con glutine è essenziale nel trattamento della malattia celiaca.

Dovresti evitare tutti i prodotti che contengono glutine, come la maggior parte dei cereali, cereali, pasta e molti alimenti trasformati. Assicurati di leggere sempre attentamente gli ingredienti del cibo per assicurarti che ciò che vuoi consumare non contenga glutine. Inoltre, parla della scelta degli alimenti senza glutine con un nutrizionista professionista o un professionista della salute specializzato in celiachia.

Cosa dovrei mangiare se ho la celiachia?

Gli alimenti come carne, pesce, frutta, verdura, riso e patate, senza additivi o condimenti, non contengono glutine e fanno parte di una dieta ben bilanciata. Puoi mangiare pane, pasta e altri cibi senza glutine che sono ora più facili da trovare nei negozi, ristoranti e aziende alimentari speciali. Puoi anche mangiare patate, riso, soia, amaranto, quinoa, grano saraceno o farina di fagioli invece della farina di frumento.

In passato, medici e nutrizionisti scoraggiavano a mangiare farina d’avena nei casi di pazienti celiaci; tuttavia, ci sono indicazioni che la maggior parte di questi pazienti possa mangiare quantità moderate di avena, a condizione che non entrino in contatto con il glutine di frumento durante la lavorazione. Chiedi al tuo dottore se puoi includere l’avena nella tua dieta.

Quando acquisti e mangi fuori, ricorda:

  • leggere le etichette degli alimenti, specialmente cibi in scatola, surgelati e trasformati, per escludere il glutine
  • identificare gli alimenti etichettati come “senza glutine” Per legge, questi alimenti devono contenere meno di 20 parti per milione, ben al di sotto dei limiti previsti per causare problemi nella maggior parte dei pazienti celiaci
  • Chiedi ai camerieri e ai cuochi del ristorante come preparano il cibo e cosa contengono
  • chiedere se è disponibile un menu senza glutine
  • chiedi al padrone di casa una cena o una festa sulle opzioni senza glutine prima di partecipare ad un incontro sociale

Gli alimenti etichettati senza glutine tendono a costare più degli stessi alimenti che contengono glutine, ma si può notare che gli alimenti privi di glutine sono naturalmente meno costosi. Con la pratica, la ricerca di glutine può diventare normale.

Una dieta priva di glutine è salutare se non ho celiachia?

Negli ultimi anni, sempre più persone senza celiachia hanno adottato una dieta priva di glutine, dal momento che credono che evitare il glutine sia più salutare o che possa aiutarli a perdere peso. Non ci sono dati attuali che suggeriscono che il pubblico generale dovrebbe mantenere una dieta priva di glutine per perdere peso o godere di una salute migliore.

Una dieta priva di glutine non è sempre una dieta salutare. Ad esempio, una dieta priva di glutine potrebbe non fornire abbastanza nutrienti, vitamine e minerali di cui il corpo ha bisogno, come fibre, ferro e calcio. Alcuni prodotti senza glutine possono essere ricchi di calorie e zuccheri.

Se pensi di avere una malattia celiaca, non iniziare a evitare il glutine senza prima parlare con il medico. Se il tuo medico ti ha diagnosticato una malattia celiaca, ti verrà raccomandato di seguire una dieta priva di glutine.