Definizione e fatti

Malattia di Crohn: che cos’è, i sintomi, le cause e le cure.

La malattia di Crohn è una malattia cronica che causa infiammazione e irritazione nel tratto digestivo. La malattia di Crohn colpisce più spesso l’intestino tenue e l’inizio dell’intestino crasso o grande intestino. Tuttavia, la malattia può colpire qualsiasi parte del tubo digerente, dalla bocca all’ano.

La malattia di Crohn è un tipo di malattia infiammatoria intestinale (IBD, per il suo acronimo inglese). Altri due tipi comuni di malattie infiammatorie intestinali sono la colite ulcerosa e la colite microscopica.

La malattia di Crohn inizia spesso lentamente e può peggiorare nel tempo. Ci possono essere periodi di remissione che possono durare per settimane o anni.

La malattia di Crohn è frequente?

I ricercatori stimano che circa 200.000 persone In Italia sono affette da malattia di Crohn. Gli studi dimostrano che, nel tempo, la malattia di Crohn è diventata più frequente anche negli Stati Uniti e in altre parti del mondo.  Gli esperti non conoscono il motivo per cui sta diventando più frequente.

Chi è più probabile che abbia la malattia di Crohn?

La malattia di Crohn può manifestarsi in persone di qualsiasi età, ma è più probabile nelle persone:

  • da 20 a 29 anni
  • che hanno un familiare, di solito genitori o fratelli, che hanno una malattia infiammatoria intestinale
  • chi fuma sigarette

Quali sono le complicazioni della malattia di Crohn?

Complicazioni della malattia di Crohn possono includere:

  • Ostruzione intestinale La malattia di Crohn può ispessire il muro dell’intestino. Nel tempo, le aree in cui le pareti dell’intestino sono più spesse possono diventare più strette, il che può bloccare l’intestino. Un blocco intestinale parziale o completo può bloccare il movimento del cibo o delle feci attraverso l’intestino.
  • Fistole. Nella malattia di Crohn, l’infiammazione può attraversare il muro dell’intestino e creare tunnel o fistole. Le fistole sono passaggi anormali tra due organi o tra un organo e l’esterno del corpo. Le fistole possono essere infettate.
  • Ascessi. Quando l’infiammazione passa attraverso il muro dell’intestino, possono anche formarsi ascessi. Gli ascessi sono cavità gonfie e infette, piene di pus che causano dolore.
  • Ragadi anali Le ragadi anali sono piccole lacrime nell’ano che possono causare prurito, dolore o sanguinamento.
  • Ulcere. L’infiammazione in qualsiasi parte del tubo digerente può provocare ulcere o piaghe aperte in bocca, intestino, ano o perineo.
  • Denutrizione. La malnutrizione si verifica quando il corpo non riceve la giusta quantità di vitamine, minerali e sostanze nutritive di cui ha bisogno per mantenere sani i tessuti e la funzione degli organi.
  • Infiammazione in altre aree del corpo. Può avere un’infiammazione alle articolazioni, agli occhi e alla pelle.

Quali altri problemi di salute hanno le persone con la malattia di Crohn?

Se hai la malattia di Crohn nell’intestino crasso, potresti avere più probabilità di contrarre il cancro al colon . Se si riceve un trattamento in corso per il morbo di Crohn e si rimane in remissione, è possibile ridurre le probabilità di contrarre il cancro al colon.

Chiedi al tuo medico quanto spesso dovresti essere sottoposto a screening per il cancro al colon. Questi test vedono se hai certe malattie quando non hai sintomi. I test di screening del cancro del colon possono includere una colonscopia con biopsie. Sebbene questi test non riducano la possibilità di avere un tumore del colon, possono aiutare a trovare il cancro in una fase iniziale e migliorare la possibilità di curare il cancro.

 

Sintomi e cause

Quali sono i sintomi della malattia di Crohn?

I sintomi più comuni della malattia di Crohn sono:

  • diarrea
  • crampi e dolore all’addome
  • perdita di peso

Altri sintomi includono:

  • anemia
  • arrossamento o dolore agli occhi
  • stanchezza
  • febbre
  • dolore o disagio articolare
  • nausea o perdita di appetito
  • alterazioni della pelle che comprendono dossi rossi e sensibili sotto la pelle

I sintomi possono variare a seconda della posizione e della gravità dell’infiammazione.

Alcune ricerche suggeriscono che lo stress, incluso lo stress di vivere con la malattia di Crohn, può peggiorare i sintomi. Inoltre, in alcune persone, determinati alimenti possono innescare o peggiorare i loro sintomi.

Che cosa causa la malattia di Crohn?

I medici non sono sicuri di quale sia la causa del morbo di Crohn. Gli esperti ritengono che i seguenti fattori possano avere un ruolo nella malattia di Crohn.

Reazione autoimmune

Una causa del morbo di Crohn può essere una reazione autoimmune, quando il sistema immunitario attacca le cellule sane del corpo. Gli esperti ritengono che i batteri nel tratto digestivo possano scatenare una reazione errata del sistema immunitario. Questa risposta del sistema immunitario causa l’infiammazione, che genera i sintomi della malattia di Crohn.

Geni

La malattia di Crohn a volte può essere ereditaria. La ricerca ha dimostrato che se uno dei tuoi genitori o fratelli ha il morbo di Crohn, potresti avere più probabilità di contrarre la malattia. Gli esperti continuano a studiare il legame tra i geni e il morbo di Crohn.

Altri fattori

Alcuni studi suggeriscono che ci sono altri fattori che possono aumentare la probabilità di avere la malattia di Crohn:

  • Il fumo può raddoppiare la probabilità di avere la malattia di Crohn.
  • Farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS) come l’ aspirina o ibuprofene , antibiotici,  e pillole anticoncezionali  potrebbe aumentare leggermente la probabilità di sviluppare la malattia di Crohn.
  • Una dieta ricca di grassi può anche aumentare leggermente la probabilità di avere la malattia di Crohn.

Lo stress e il consumo di determinati alimenti non causano il morbo di Crohn.

 

Diagnosi

Come viene diagnosticata la malattia di Crohn?

I medici spesso usano diversi test per diagnosticare la malattia di Crohn. Il medico ti informerà anche sulla tua storia clinica, comprese le medicine che stai assumendo e la tua storia familiare, e farà un esame fisico.

Esame fisico

Durante l’esame obiettivo, il medico di solito:

  • Controlla se il tuo addome è gonfio
  • usa uno stetoscopio per ascoltare i suoni nell’addome
  • tocca o senti l’addome per vedere se fa male o ha sensibilità e per vedere se il fegato o la milza è anormale o ingrandito

Test diagnostici

Il medico può utilizzare i seguenti test per diagnosticare la malattia di Crohn:

  • test di laboratorio
  • endoscopia intestinale
  • studio di transito gastrointestinale superiore
  • tomografia computerizzata (CT)

Il medico può anche eseguire test per escludere altre malattie, come la colite ulcerosa, la malattia diverticolare o il cancro, che causano sintomi simili a quelli della malattia di Crohn.

Quali test usano i medici per diagnosticare la malattia di Crohn?

Il medico può eseguire i seguenti test per diagnosticare la malattia di Crohn:

Test di laboratorio

Gli esami di laboratorio per diagnosticare la malattia di Crohn includono:

Esame del sangue Un professionista della salute può prelevare un campione di sangue e inviarlo a un laboratorio per vedere i cambiamenti in:

  • i globuli rossi. Se hai meno globuli rossi più piccoli del normale, potresti avere anemia.
  • i globuli bianchi. Quando il numero dei globuli bianchi è più alto del normale, si può avere infiammazione o infezione da qualche parte nel corpo.
Esame del sangue

Analisi delle feci Un test delle feci è il test che viene fatto sul campione di feci per escludere altre cause di malattie digestive. Il medico ti fornirà un contenitore in cui raccogliere e conservare le feci. Riceverai le istruzioni su dove inviare o prendere il kit per l’analisi.

Endoscopia intestinale

L’endoscopia intestinale è il metodo più accurato per diagnosticare la malattia di Crohn ed escludere altre possibili malattie, come la colite ulcerosa, la malattia diverticolare o il cancro. Le endoscopie intestinali includono:

Colonscopia. La colonscopia è una procedura in cui un medico utilizza un tubo flessibile lungo che ha una piccola e leggera fotocamera ad un’estremità. Questo tubo è chiamato colonscopio o endoscopio e viene usato per guardare all’interno del retto e del colon. Il medico può anche esaminare l’ileo per i segni della malattia di Crohn.

Uno specialista esperto esegue una colonscopia in un centro di assistenza ambulatoriale o ospedaliero. Un professionista della salute ti fornirà istruzioni scritte per la preparazione dell’intestino che dovresti seguire a casa prima della procedura. Riceverai sedativi, anestesia  o analgesici durante la procedura.

Durante una colonscopia, ti verrà chiesto di giacere su un tavolo mentre il medico inserisce un colonoscopio nell’ano e lo guida lentamente attraverso il retto e il colon nella parte inferiore dell’ileo. Se il medico sospetta di avere il morbo di Crohn, la colonscopia includerà biopsie dell’ileo, del colon e del retto. Non sentirai quando le biopsie sono fatte.

Endoscopia esofagogastroduodenale e enteroscopia. In un’endoscopia GI , il medico utilizza un endoscopio per vedere all’interno del tratto gastrointestinale superiore, chiamato anche tratto gastrointestinale superiore.

Uno specialista esperto esegue la procedura in un centro di assistenza ambulatoriale o ospedaliero. Non devi mangiare o bere prima della procedura. Un professionista della salute ti dirà come prepararti per l’endoscopia gastrointestinale superiore. Alla persona viene spesso somministrato un anestetico liquido per intorpidire la gola e un lieve sedativo per aiutarlo a rimanere rilassato e a suo agio durante la procedura.

Durante la procedura, il medico inserisce accuratamente l’endoscopio attraverso l’esofago e nello stomaco e nel duodeno.

Durante un’enteroscopia, il medico esamina l’intestino tenue con un endoscopio speciale più lungo utilizzando una delle seguenti procedure:

  • enteroscopia a impulsi, che utilizza un lungo endoscopio per esaminare la parte superiore dell’intestino tenue
  • enteroscopia di un palloncino o doppio palloncino, che utilizza palloncini o palloncini per aiutare a spostare l’endoscopio nell’intestino tenue
  • enteroscopia a spirale, che utilizza un tubo collegato ad un endoscopio che agisce come un cavatappi per spostare lo strumento nell’intestino tenue

Endoscopia per capsula. Nella capsula endoscopica, il paziente ingoia una capsula contenente una piccola telecamera che consente al medico di vedere all’interno del tubo digerente. Non dovresti mangiare o bere prima della procedura. Un professionista della salute ti dirà come preparare una capsula endoscopica. Non hai bisogno di anestesia per questa procedura.

Il test inizia nello studio del medico, dove la capsula viene ingerita. Puoi lasciare l’ufficio del medico durante il test. Mentre la capsula attraversa il tratto digestivo, la fotocamera registra e trasmette le immagini a un piccolo dispositivo di ricezione che si sta indossando. Al termine della registrazione, il medico scarica e rivede le immagini. La capsula della fotocamera lascia il corpo durante un movimento intestinale e può essere scaricata nella toilette senza problemi.

Studio del transito esofagogastroduodenale

Lo studio di GI superiore , conosciuto in inglese come “gastrointestinale superiore (GI) serie” è un processo in cui X – vengono utilizzati raggi, fluoroscopia e un liquido gessoso chiamato bario vedere tratto gastrointestinale superiore.

Un tecnico radiologo e un radiologo fanno questo studio in un ospedale o in un centro di assistenza ambulatoriale. Non devi mangiare o bere prima della procedura. Un professionista della salute ti dirà come prepararti per lo studio. Non hai bisogno di anestesia per la procedura.

Per lo studio del transito gastrointestinale superiore, ti verrà chiesto di stare o sederti davanti a una macchina a raggi X e bere il bario. Il bario renderà il tratto gastrointestinale superiore più visibile su una radiografia. Successivamente, ti stenderesti sulla tavola dei raggi X, e il radiologo vedrà come il bario si muove attraverso il tratto gastrointestinale superiore su radiografia e fluoroscopia.

Tomografia computerizzata (CT)

Una scansione CT  utilizza una combinazione di raggi X e tecnologia informatica per creare immagini del tubo digerente.

Per fare una scansione CT, un operatore sanitario può darti una soluzione per bere e un’iniezione di una tinta speciale chiamata colorante. Il materiale di contrasto rende le strutture del corpo più facili da vedere durante la procedura. Ti troverai su un tavolo che scivola all’interno di un dispositivo simile a un tunnel che prende i raggi X. Le scansioni TC possono diagnosticare sia il morbo di Crohn che le complicanze della malattia.

 

Trattamento

Come viene trattata la malattia di Crohn?

I medici curano il morbo di Crohn con medicinali, riposo intestinale e chirurgia.

Non esiste un trattamento singolo che funzioni per tutti i casi di malattia di Crohn. Il trattamento ha lo scopo di ridurre l’infiammazione intestinale, prevenire i focolai di sintomi e tenerlo in remissione.

Farmaci

Molte persone con la malattia di Crohn hanno bisogno di medicine. Le medicine prescritte dal medico dipenderanno dai sintomi.

Molte persone con la malattia di Crohn hanno bisogno di medicine. Le medicine prescritte dal medico dipenderanno dai sintomi.

Sebbene non ci sia una medicina per curare la malattia di Crohn, molte medicine possono ridurre i sintomi.

Aminosalicilati. Questi medicinali contengono acido 5-aminosalicilico (5-ASA), che aiuta a controllare l’infiammazione. I medici usano aminosalicilati per curare le persone di nuova diagnosi di malattia di Crohn che hanno sintomi lievi. Aminosalicilati includono:

  • Balsalazide 
  • mesalazina 
  • olsalazina 
  • sulfasalazina 

Alcuni degli effetti collaterali comuni di aminosalicilati includono:

  • diarrea
  • mal di testa
  • bruciore di stomaco
  • nausea e vomito
  • dolore nell’addome

Corticosteroidi. I corticosteroidi, noti anche come steroidi, aiutano a ridurre l’attività del sistema immunitario e ridurre l’infiammazione. I medici prescrivono corticosteroidi a persone con sintomi da moderati a severi. I corticosteroidi includono:

  • budesonide 
  • idrocortisone 
  • metilprednisolone 
  • prednisone 

Gli effetti collaterali dei corticosteroidi includono:

  • acne
  • perdita di massa ossea
  • alto livello di glucosio nel sangue
  • ipertensione
  • più probabilità di avere infezioni
  • cambiamenti di umore
  • aumento di peso

Nella maggior parte dei casi, i medici non prescrivono corticosteroidi per l’uso a lungo termine.

Immunomodulatori. Questi medicinali riducono l’attività del sistema immunitario, causando una minore infiammazione del tratto digestivo. Gli immunomodulatori possono impiegare da alcune settimane a 3 mesi per iniziare ad avere effetto. Gli immunomodulatori includono:

  • 6-mercaptopurina  o 6-MP
  • azatioprina 
  • ciclosporina 
  • metotressato 

I medici prescrivono questi medicinali per aiutarti a ottenere la remissione o se non rispondi ad altri trattamenti. È possibile avere i seguenti effetti collaterali:

  • basso numero di globuli bianchi, che può portare a una maggiore probabilità di infezione
  • stanchezza
  • nausea e vomito
  • pancreatite

Di solito, i medici non prescrivono la ciclosporina a meno che non si abbia un caso grave di morbo di Crohn a causa dei gravi effetti collaterali del farmaco. Parlate con il vostro medico dei rischi e benefici della ciclosporina.

Terapie biologiche Questi medicinali attaccano le proteine ​​prodotte dal sistema immunitario. Quando queste proteine ​​vengono neutralizzate, l’infiammazione nell’intestino diminuisce. Le terapie biologiche funzionano rapidamente per aiutarti a ottenere la remissione, soprattutto se non rispondi ad altri medicinali. Le terapie biologiche includono:

  • adalimumab  e adalimumab-atto
  • certolizumab 
  • infliximab e infliximab-dyyb 
  • natalizumab 
  • ustekinumab 
  • Vedolizumab 

I medici spesso somministrano infliximab ogni 6-8 settimane in un ospedale o in un centro di assistenza ambulatoriale. Gli effetti collaterali possono includere una reazione tossica al medicinale e una maggiore possibilità di contrarre infezioni, in particolare la tubercolosi .

Altre medicine Altre medicine che i medici prescrivono per i sintomi o le complicanze della malattia di Crohn possono includere:

  • acetaminofene per un lieve dolore Dovresti evitare l’uso di ibuprofene , naprossene e aspirina  perché questi farmaci possono peggiorare i sintomi.
  • Antibiotici per prevenire o curare infezioni, come ascessi e fistole .
  • loperamide per aiutare a rallentare o fermare la diarrea grave. Nella maggior parte dei casi, le persone prendono questo medicinale solo per brevi periodi di tempo, in quanto può aumentare la possibilità di sviluppare megacolon.

Resto dell’intestino

Se i sintomi della malattia di Crohn sono gravi, potrebbe essere necessario riposare l’intestino per alcuni giorni o alcune settimane. Il riposo intestinale consiste nel bere solo determinati liquidi o non mangiare o bere nulla. Durante il riposo intestinale, il medico può:

  • Chiedigli di bere un liquido che contiene sostanze nutritive
  • dare un liquido contenente sostanze nutritive attraverso un tubo di alimentazione inserito nello stomaco o nell’intestino tenue
  • darti nutrizione per via endovenosa attraverso un tubo speciale inserito in una vena del braccio

Potrebbe essere necessario rimanere in ospedale o essere in grado di ricevere cure a casa. Nella maggior parte dei casi, l’intestino guarisce durante il riposo intestinale.

Chirurgia

Anche con le medicine, molte persone hanno bisogno di un intervento chirurgico come parte del trattamento per il morbo di Crohn. Uno studio ha rilevato che quasi il 60 per cento delle persone aveva bisogno di un intervento chirurgico prima di 20 anni di malattia di Crohn. Anche se la chirurgia non cura la malattia di Crohn, può trattare le complicazioni e migliorare i sintomi. I medici spesso raccomandano un intervento chirurgico per trattare:

  • fistole
  • sanguinamento che mette in pericolo la vita
  • ostruzioni intestinali
  • Effetti collaterali di medicinali che sono un rischio per la salute
  • sintomi quando i farmaci non migliorano la salute

I chirurghi possono fare diversi tipi di operazioni per trattare la malattia di Crohn.

Per qualsiasi intervento chirurgico, riceverai l’ anestesia generale. È probabile che tu debba essere ricoverato da 3 a 7 giorni dopo l’intervento. Un recupero completo può richiedere da 4 a 6 settimane.

Resezione dell’intestino tenue Piccolo resezione intestinale è un intervento chirurgico per rimuovere o prendere parte dell’intestino tenue. Quando si ha un’occlusione intestinale o di un grave caso di malattia di Crohn nel piccolo intestino, può essere necessario per il chirurgo rimuovere quella parte dell’intestino. Esistono due tipi di resezione dell’intestino tenue:

  • laparoscopica: il chirurgo esegue piccole incisioni di mezzo pollice (1,3 cm) nell’addome e inserisce attraverso di esse un laparoscopio. Il laparoscopio è un tubo sottile con una piccola luce e una videocamera all’estremità. La fotocamera invia un’immagine ingrandita dall’interno del corpo a un monitor video, dando al chirurgo una dettagliata vista ravvicinata dell’intestino tenue. Il chirurgo osserva sul monitor mentre inserisce gli strumenti attraverso le piccole incisioni e rimuove la sezione danneggiata o bloccata dell’intestino tenue. Il chirurgo ricollegherà le estremità dell’intestino.
  • chirurgia aperta: il chirurgo fa un’incisione lunga circa 6 pollici (15,2 cm) nell’addome. Il chirurgo localizza la sezione danneggiata o bloccata dell’intestino tenue e la rimuove o ripara. Il chirurgo ricollegherà le estremità dell’intestino.

Colectomia subtotale. Una colectomia subtotale, chiamata anche una resezione dell’intestino grande, è un intervento chirurgico per rimuovere parte dell’intestino crasso. Quando si ha un’ostruzione intestinale, una fistola o un caso grave di malattia di Crohn nell’intestino crasso, può essere necessario che il chirurgo rimuova quella sezione dell’intestino. Esistono due tipi di colectomia subtotale:

  • laparoscopica: il chirurgo esegue numerose piccole incisioni di mezzo pollice nell’addome. Mentre osserva il monitor, il chirurgo rimuove la parte danneggiata o bloccata dell’intestino crasso. Il chirurgo ricollegherà le estremità dell’intestino.
  • chirurgia aperta: il chirurgo esegue un’incisione lunga circa 6 – 8 pollici (15,2-2,3 cm) nell’addome, localizza la sezione danneggiata o bloccata dell’intestino crasso e la rimuove. Il chirurgo ricollega le estremità dell’intestino.

Proctocolectomia e ileostomia. Una proctocolectomia è un intervento chirurgico per rimuovere l’intero colon e il retto. L’ileostomia è un tipo di stomia o apertura nell’addome, che il chirurgo crea utilizzando una parte dell’ileo. Il chirurgo rimuove la parte terminale dell’ileo attraverso un’apertura nell’addome e la attacca alla sua pelle creando un’apertura all’esterno del corpo. Lo stoma misura tra circa ¾ di pollice (1,9 cm.) A poco meno di 2 pollici (5 cm) di larghezza e si trova solitamente nell’addome inferiore sotto la vita.

La sacca ostomica, o il dispositivo ostomico, è una borsa che si collega alla stomia e si trova all’esterno del corpo. È usato per raccogliere le feci e può essere rimosso per svuotare. Le feci passano attraverso lo stoma anziché attraverso l’ano. Lo stoma non ha muscoli, quindi non può controllare l’evacuazione delle feci e l’evacuazione si verifica quando si verifica.

Se hai questo tipo di chirurgia, avrai un’ileostomia per il resto della tua vita.

Come vengono trattate le complicanze della malattia di Crohn?

Il medico può raccomandare alcuni trattamenti per le seguenti complicanze della malattia di Crohn:

  • Ostruzione intestinale L’ostruzione intestinale completa è in pericolo di vita. Se hai un blocco completo, avrai bisogno di cure mediche immediatamente. I medici di solito trattano l’ostruzione intestinale completa con un intervento chirurgico.
  • Fistole. Il modo in cui il tuo medico tratta le fistole dipenderà dal tipo di fistola che hai e dalla sua gravità. Per alcune persone, le fistole guariscono con medicine e cambiamenti nella dieta, mentre altre devono subire un intervento chirurgico.
  • Ascessi. I medici prescrivono antibiotici e drenano ascessi. Gli ascessi possono essere drenati inserendo un ago attraverso la pelle o con un intervento chirurgico.
  • Ragadi anali La maggior parte delle ragadi anali guarisce con cure mediche, inclusi pomate o unguenti, bagni caldi e cambiamenti nella dieta.
  • Ulcere. Nella maggior parte dei casi, il trattamento per il morbo di Crohn cura anche le ulcere.
  • Denutrizione. Potrebbe essere necessario ricevere idratazione e nutrizione artificiale per via endovenosa o attraverso un tubo di alimentazione per reintegrare i nutrienti e i fluidi persi.
  • Infiammazione in altre parti del corpo. Il medico può trattare l’infiammazione cambiando le medicine o prescrivendone di nuove.

 

Cibo, dieta e nutrizione

In che modo la mia dieta può aiutare i sintomi della malattia di Crohn?

Cambiare la tua dieta può aiutare a ridurre i sintomi. Il medico può raccomandare di apportare cambiamenti nella dieta, come ad esempio:

  • evitare bevande gassate o “effervescenti”
  • Evita popcorn, bucce e noci e altri cibi ricchi di fibre
  • bere più liquidi
  • Mangia più piccoli pasti più spesso
  • Tenere un diario alimentare per aiutare a identificare gli alimenti che causano problemi

A seconda dei sintomi o dei farmaci, il medico può raccomandare una dieta specifica, come una dieta che sia:

  • alto contenuto calorico
  • senza lattosio
  • basso contenuto di grassi
  • fibra bassa
  • sale basso

Chiedi al tuo medico raccomandazioni e cambiamenti specifici per la tua dieta.

Se non assorbi abbastanza nutrienti, il medico può consigliare supplementi nutrizionali e vitamine. Per proteggere la tua salute, parla con il tuo medico prima di usare integratori alimentari come vitamine o qualsiasi altra medicina o medicina complementare o alternativa .