Problemi di memoria-Alzheimer e demenza senile | corpo e mente

Cattiva memoria

Riconoscere quando si dovrebbe chiedere aiuto

La storia di Maria

María è stata un’insegnante per 35 anni. Recentemente ha iniziato a dimenticare i dettagli ed è diventata sempre più disorganizzata. All’inizio, lo ha fatto ridere, ma i suoi problemi di memoria sono peggiorati. La sua famiglia e i suoi amici sono stati comprensivi, ma non sono sicuri di cosa possano fare. I genitori e gli amministratori scolastici sono preoccupati per le prestazioni di Maria in classe. Il direttore ha suggerito di consultare un medico . Maria si chiede se questi problemi siano un segno del morbo di Alzheimer o semplicemente della cattiva memoria che deriva dall’età.

Molte persone si preoccupano di iniziare ad avere una brutta memoria. Pensano che la scarsa memoria sia il primo segno della malattia di Alzheimer. Gli scienziati hanno imparato molto sulla memoria e sul perché alcuni tipi di problemi di memoria sono seri, ma altri no.

Cambiamenti di memoria relativi all’età

La cattiva memoria può essere una parte normale dell’invecchiamento. Man mano che le persone invecchiano, i cambiamenti si verificano in tutte le parti del corpo, incluso il cervello. Di conseguenza, alcune persone possono notare che ci vuole più tempo per imparare cose nuove, non ricordano informazioni così come hanno fatto prima o cose come perdere gli occhiali. Di solito questi sono segni di lievi problemi di scarsa memoria, non di gravi problemi di memoria.

Alcuni adulti più anziani scoprono anche che non si comportano bene come i più giovani quando completano la memoria complessa oi test di apprendimento. Ma gli scienziati hanno scoperto che se gli viene dato abbastanza tempo, gli anziani sani possono comportarsi altrettanto bene dei giovani in questi test. Infatti, quando invecchiano, gli adulti sani di solito migliorano in aree di abilità mentale come il vocabolario.

Altre cause di perdita di memoria

Alcuni problemi di memoria sono legati a problemi di salute che possono essere trattati. Ad esempio, gli effetti collaterali di alcuni farmaci, una carenza di vitamina B12, alcolismo cronico, tumori, infezioni o coaguli di sangue nel cervello possono causare perdita di memoria o forse demenza. Alcuni disturbi della tiroide, dei reni o del fegato possono anche contribuire alla perdita di memoria. Un medico dovrebbe trattare condizioni mediche gravi come queste il prima possibile.

Problemi emotivi come stress, ansia o depressione possono rendere una persona più smemorata e può essere confusa con la demenza. Ad esempio, qualcuno che si è recentemente ritirato o ha a che fare con la morte di un marito o di una moglie , un parente o un amico può sentirsi triste, solo, preoccupato o annoiato. Cercare di affrontare questi cambiamenti della vita fa sì che alcune persone si sentano confuse o smemorate.

I problemi di confusione e di memoria causati dalle emozioni sono solitamente temporanei e scompaiono quando i sentimenti svaniscono. Ma se questi sentimenti durano per più di 2 settimane, è importante ottenere aiuto da un medico o un consulente. Il trattamento può includere consulenza, farmaci o entrambi.

Suggerimenti per gestire la scarsa memoria

Le persone che hanno alcuni problemi di memoria possono utilizzare una varietà di tecniche che possono aiutarli a rimanere in buona salute e affrontare i cambiamenti nel loro modo di pensare.

  • Pianifica le faccende, crea elenchi di ciò che devi fare e utilizza gli aiuti alla memoria come note e calendari. Alcune persone trovano che ricordano le cose meglio se le collegano mentalmente con un nome noto, una canzone, un libro o un programma televisivo.
  • Mantieni i tuoi interessi o hobby e sviluppa alcuni nuovi, come il volontariato e la visita di familiari e amici.
  • Partecipa alle attività fisiche e fai esercizi . Diversi studi hanno associato l’esercizio aerobico (ad esempio, camminare a ritmo sostenuto) con una migliore funzionamento del cervello, anche se più ricerca scientifica per dire con certezza se l’esercizio fisico può aiutare a prevenire o ritardare la demenza sono necessari. L’esercizio fisico aiuta anche ad alleviare le sensazioni di stress, ansia e depressione.
  • Mangia cibi sani Una dieta sana può aiutare a ridurre il rischio di molte malattie croniche e può anche aiutare a mantenere sano il cervello.
  • Limitare l’uso di alcol . Sebbene alcuni studi suggeriscano che l’uso moderato di alcol abbia benefici per la salute, bere troppo alcol o bere quantità eccessive di alcol in periodi di tempo molto brevi può causare perdita di memoria e danni permanenti al cervello con il passare del tempo.

Problemi di memoria più seri

In alcune persone anziane, i problemi di memoria sono un segno di lieve deterioramento cognitivo, malattia di Alzheimer o demenza correlata. Le persone che sono preoccupate per problemi di memoria dovrebbero consultare un medico. Il medico può eseguire o ordinare una valutazione completa della salute fisica e mentale per stabilire una diagnosi. Spesso queste valutazioni vengono eseguite da un neurologo, cioè uno specialista in problemi relativi al cervello e al sistema nervoso centrale.

Una visita medica completa per valutare la perdita di memoria dovrebbe esaminare la storia medica della persona, compreso l’uso di farmaci da prescrizione e da banco e la storia familiare di demenza, e dovrebbe anche includere un esame fisico e test neurologici per valutare il memoria, equilibrio, linguaggio e altre funzioni cognitive. Una diagnosi corretta dipende da dettagli corretti, in modo che, oltre a parlare con il paziente, il medico possa chiedere informazioni a un membro della famiglia, alla persona incaricata di prendersi cura del paziente o di un amico intimo.

Gli esami del sangue e delle urine possono aiutare il medico a trovare o escludere possibili cause di problemi di memoria. Una scansione cerebrale può anche aiutare a identificare o escludere alcune delle cause dei problemi di memoria.

Deficit cognitivo lieve (MCI, per il suo acronimo in inglese). Alcune persone affette da problemi di memoria hanno una condizione chiamata compromissione cognitiva lieve amnestica. Le persone affette da questo disturbo avere più problemi di memoria rispetto a quelli che normalmente hanno le persone della loro età, ma i loro sintomi non sono così gravi come quelli delle persone affette da morbo di Alzheimer, e hanno la capacità di svolgere il loro normali attività quotidiane.

Segni di lieve deterioramento cognitivo includono perdere spesso le cose, dimenticare di partecipare a eventi o appuntamenti importanti e avere più problemi di altre persone della stessa età nel cercare di trovare le parole desiderate. La famiglia e gli amici possono notare errori nella memoria, e la persona che ha un lieve deficit cognitivo può preoccuparsi di perdere la memoria. Queste preoccupazioni possono spingere la persona a visitare il medico per ottenere una diagnosi.

Ricercatori scientifici hanno scoperto che, a confronto, più persone con diagnosi di lieve deficit cognitivo finiscono per sviluppare la malattia di Alzheimer rispetto a coloro che non hanno questo disturbo. Tuttavia, non tutte le persone che hanno un lieve declino cognitivo sviluppano la malattia di Alzheimer.

Non esiste un trattamento standardizzato per il deterioramento cognitivo lieve. In genere, il medico monitora e testa la persona colpita ogni 6-12 mesi per rilevare eventuali cambiamenti nella memoria e altre capacità di pensiero nel tempo. Nessun farmaco è stato approvato per il trattamento del danno cognitivo lieve.

La demenza. La demenza è la perdita della capacità di pensare, ricordare e ragionare e le abilità comportamentali a tal punto che interferisce con la vita e le attività quotidiane di una persona. La demenza non è una malattia in sé, ma un gruppo di sintomi causati da alcune malattie o disturbi come il morbo di Alzheimer .

I sintomi della demenza possono includere:

  • Non essere in grado di ricordare le cose
  • Fai la stessa domanda o ripeti la stessa storia più e più volte
  • Perdere se stessi in luoghi familiari
  • Difficoltà nel cercare di seguire le istruzioni
  • Essere disorientato su tempo, persone e luoghi
  • Difficoltà a gestire denaro e pagare le bollette
  • Avere un aumento di ansia o aggressività

Due delle forme più comuni di demenza negli anziani sono il morbo di Alzheimer e la demenza vascolare. Attualmente, questi tipi di demenza non possono essere curati.

Nella malattia di Alzheimer , i cambiamenti in alcune parti del cervello provocano la morte di molte cellule nervose. I sintomi della malattia di Alzheimer iniziano lentamente e peggiorano, mentre il danno alle cellule nervose si diffonde in tutto il cervello. Con il passare del tempo, l’oblio diventa un problema serio con la memoria, il giudizio, la capacità di riconoscere la famiglia e gli amici e la capacità di svolgere attività quotidiane. Nel tempo, la persona dovrà ricevere la massima attenzione.

Nella demenza vascolare , le lesioni nei vasi sanguigni che forniscono sangue al cervello portano alla morte del tessuto cerebrale, spesso dopo un ictus o una serie di ictus. I sintomi della demenza vascolare possono variare, ma di solito iniziano improvvisamente, a seconda della posizione e della gravità dell’ictus. Le abilità della persona relative alla memoria, alla lingua, al ragionamento e alla coordinazione possono essere influenzate. Anche i cambiamenti di umore e personalità sono comuni.

Alcune persone hanno l’Alzheimer e anche la demenza vascolare, un disturbo chiamato demenza mista.

Trattamento per la demenza

Una persona che ha la demenza deve essere sotto la cura di un medico. Il medico può essere un neurologo, un medico generico, un internista, un geriatra o uno psichiatra. Il medico può aiutare a trattare problemi fisici del paziente e problemi comportamentali (come agitazione o problema errante) e rispondere alle molte domande che la persona o la loro famiglia può avere.

Le persone con demenza causate dalla malattia di Alzheimer possono essere trattate con farmaci . Ci sono diversi farmaci approvati per il trattamento della malattia di Alzheimer. In alcune persone, questi farmaci possono rallentare la progressione di alcuni problemi, come la perdita di memoria, permettendo loro di rimanere indipendenti più a lungo. Possono anche aiutare con determinati problemi comportamentali. Tuttavia, nessuno di questi farmaci può fermare il progresso della malattia di Alzheimer. Molti studi scientifici stanno studiando farmaci e altri interventi per prevenire o ritardare il morbo di Alzheimer e il declino cognitivo.

Le persone con demenza vascolare dovrebbero prendere provvedimenti per prevenire futuri colpi. Queste misure comprendono il controllo dell’ipertensione arteriosa , la supervisione e il trattamento del colesterolo alto e del diabete e il divieto di fumare .

I familiari e gli amici possono aiutare le persone nelle prime fasi della demenza a continuare la loro routine quotidiana, le attività fisiche e i contatti sociali. Le persone con demenza dovrebbero essere tenute aggiornate sui dettagli della loro vita, il tempo che è, il luogo in cui vivono e ciò che sta accadendo a casa e nel mondo. Aiuti di memoria come un grande calendario, un elenco di piani giornalieri e note scritte possono aiutare.

Cosa puoi fare?

Se sei preoccupato che tu o qualcuno che conosci abbia un grave problema di memoria, parla con il medico. È possibile che il medico possa diagnosticare il problema o inviarlo a uno specialista in neurologia o psichiatria geriatrica. Gli operatori sanitari che si specializzano nella malattia di Alzheimer e altri tipi di demenza possono consigliare modi per gestire il problema e suggerire trattamenti e servizi che possono aiutare.

Pensa a partecipare a studi clinici o scientifici . È possibile che le persone che hanno o non abbiano problemi di memoria possano partecipare a studi clinici, che possono aiutare se stessi o le generazioni future.

ATTENZIONE: Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. 
Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata. Se si hanno dubbi o quesiti sull'uso di un farmaco è necessario contattare il proprio medico.   riferimenti : niddk.nih.gov

Leggi il Disclaimer .
Tratto da    http://www.corpo-e-mente.com